6 Sentiero dei passi alpini
6 Sentiero dei passi alpini
6 Sentiero dei passi alpini
6 Sentiero dei passi alpini
6 Sentiero dei passi alpini
6 Sentiero dei passi alpini
6 Alpenpässe-Weg
6 Alpenpässe-Weg

La Svizzera a piedi

etappe-01220

Sentiero dei passi alpini

Tappa 14, Cap. Corno-Gries–Rif. Margaroli

Servizio sul sentiero
132 foto

WL_006_14_IMG_9604_R_F_M.jpg
etappe-01220

Sentiero dei passi alpini

Si attraversa la Val Corno con vista sul ghiacciaio del Gries fino al passo del Gries e poi verso la bella Italia. La discesa fino al Lago di Morasco è ripida e altrettanto ripida è la salita fino al passo successivo. Al Lago Vannino si gusta una meritata cena italiana.
La Valle Bedretto si estende dal passo della Novena ad Airolo e forma la parte più alta della Valle Leventina. La capanna Corno Gries si trova in fondo alla vallata su un magnifico altopiano. Acquistata dall’esercito nel 1920, la capanna è stata ricostruita diverse volte da quel momento: l'ultima nel 2007, basandosi sul progetto dell'architetto Silvano Caccia. Il tetto è stato rimosso dal tradizionale edificio in pietra ed è stata aggiunta una spettacolare struttura in legno.

Un sentiero si snoda dal rifugio attraverso la panoramica Val Corno. Verso est, la vista si estende sulla Valle Bedretto fino alle cime alpine della regione del Lucomagno. Dopo una buona trentina di minuti di marcia in direzione ovest, si ammira la vista sul ghiacciaio del Gries e sulle cime circostanti. Pochi minuti dopo, si osserva anche lo splendido lago artificiale. Il lago ha una capacità di stoccaggio di 18 milioni di m3 e immette 21,6 kwh di energia nella rete. Al passo del Gries si attraversa la frontiera con l’Italia. Voltandosi si vedono le pale del parco eolico più elevato d'Europa, situato tra i passi del Gries e della Novena. Sullo sfondo, il picco del Finsteraarhorn cattura lo sguardo.

In Italia, si procede lungo una ripida discesa nella Valle del Gries per circa un'ora. Dopo un’altra ora e qualche tornante, si arriva al lago artificiale della Valle di Morasco. Per la costruzione di questo bacino lacustre, la parte superiore dell’omonimo villaggio, chiesa compresa, fu sacrificata nel 1940. Il Lago di Morasco è incastonato in una splendida posizione tra la Punta del Morasco e il Monte Immel. Chi percorre 700 metri di dislivello in discesa, deve anche risalire: la salita con quasi 800 metri di dislivello al Passo di Nefelgiù è ripida e faticosa. Dal punto più elevato della tappa, a quasi 2600 metri sul livello del mare, si osserva la meta, il Lago Vannino. In altre parole: è il momento di fare una breve pausa e godersi il panorama alpino prima di affrontare l'ultima discesa. Dopo una lunga camminata e molti metri di dislivello, la prima delle due tappe al di fuori dei confini svizzeri termina al rifugio Margaroli. Sul versante italiano ci si può gustare una tipica cena con primo, secondo e dolce.
Si attraversa la Val Corno con vista sul ghiacciaio del Gries fino al passo del Gries e poi verso la bella Italia. La discesa fino al Lago di Morasco è ripida e altrettanto ripida è la salita fino al passo successivo. Al Lago Vannino si gusta una meritata cena italiana.
La Valle Bedretto si estende dal passo della Novena ad Airolo e forma la parte più alta della Valle Leventina. La capanna Corno Gries si trova in fondo alla vallata su un magnifico altopiano. Acquistata dall’esercito nel 1920, la capanna è stata ricostruita diverse volte da quel momento: l'ultima nel 2007, basandosi sul progetto dell'architetto Silvano Caccia. Il tetto è stato rimosso dal tradizionale edificio in pietra ed è stata aggiunta una spettacolare struttura in legno.

Un sentiero si snoda dal rifugio attraverso la panoramica Val Corno. Verso est, la vista si estende sulla Valle Bedretto fino alle cime alpine della regione del Lucomagno. Dopo una buona trentina di minuti di marcia in direzione ovest, si ammira la vista sul ghiacciaio del Gries e sulle cime circostanti. Pochi minuti dopo, si osserva anche lo splendido lago artificiale. Il lago ha una capacità di stoccaggio di 18 milioni di m3 e immette 21,6 kwh di energia nella rete. Al passo del Gries si attraversa la frontiera con l’Italia. Voltandosi si vedono le pale del parco eolico più elevato d'Europa, situato tra i passi del Gries e della Novena. Sullo sfondo, il picco del Finsteraarhorn cattura lo sguardo.

In Italia, si procede lungo una ripida discesa nella Valle del Gries per circa un'ora. Dopo un’altra ora e qualche tornante, si arriva al lago artificiale della Valle di Morasco. Per la costruzione di questo bacino lacustre, la parte superiore dell’omonimo villaggio, chiesa compresa, fu sacrificata nel 1940. Il Lago di Morasco è incastonato in una splendida posizione tra la Punta del Morasco e il Monte Immel. Chi percorre 700 metri di dislivello in discesa, deve anche risalire: la salita con quasi 800 metri di dislivello al Passo di Nefelgiù è ripida e faticosa. Dal punto più elevato della tappa, a quasi 2600 metri sul livello del mare, si osserva la meta, il Lago Vannino. In altre parole: è il momento di fare una breve pausa e godersi il panorama alpino prima di affrontare l'ultima discesa. Dopo una lunga camminata e molti metri di dislivello, la prima delle due tappe al di fuori dei confini svizzeri termina al rifugio Margaroli. Sul versante italiano ci si può gustare una tipica cena con primo, secondo e dolce.
16 km
1200 m | 1360 m
6 h 00 min
medio (sentiero di montagna) | difficile

Stagione

Stagione
Attenzione: nei tratti in quota, possibile presenza di neve anche nei mesi estivi.

Avvertimenti

Avvertimento
Attenzione: il percorso si snoda attraverso l’Italia, portare con sé i documenti d’identità

Contatto

Gestione della segnaletica
La segnaletica è gestita dall'associazione cantonale per i sentieri escursionistici su incarico del cantone.
Ticino Sentieri
Via A. Giovannini 3
6710 Biasca
info@ticinosentieri.ch
www.ticinosentieri.ch

Servizi

Alloggio

Capanna Corno-Gries CAS
Capanna Corno-Gries CAS
Bedretto
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica