6 Percorso dei Grigioni
6 Percorso dei Grigioni

La Svizzera in bici

etappe-0882

Percorso dei Grigioni

Tappa 4, Zernez–Martina

Servizio sul sentiero
65 foto

VL_006_04_P1100940_R_F_M.jpg
etappe-0882

Percorso dei Grigioni

La natura maestosa della Bassa Engadina appare silenziosa come il battito d'ali di un'aquila, un piccolo rifugio per le specie minacciate. A fare da contrasto ci pensano le case riccamente decorate sui terrazzi soleggiati e le sorgenti minerali di Scuol-Tarasp.
Zernez costituisce il punto di collegamento tra l'Alta e la Bassa Engadina. L’aspetto uniforme del villaggio è dovuto al grande incendio del 1872. Zernez è il punto di partenza per le escursioni nel Parco Nazionale Svizzero. Dal 2007 l'intera amministrazione del parco si trova nei locali del castello Planta-Wildenberg. L’adiacente cubo monolitico in cemento è il Centro del Parco Nazionale, dove si scoprono fatti sul comportamento da adottare nel parco, sulle visite guidate, sui sentieri escursionistici e sulle condizioni meteorologiche. È consigliabile vivere la Bassa Engadina, che si fa sempre più angusta, a piedi, in bicicletta o in canoa. A sinistra e a destra si ergono maestose vette di 3000 metri. Anche i villaggi di Susch e Lavin, con le loro pregevoli case, sono graziosi. Risalendo dei ripidi tornanti si arriva al soleggiato villaggio terrazzato di Guarda. Guarda e la vicina località di Ardez sono beni culturali protetti. Con orgoglio e tolleranza la gente del posto osserva i numerosi turisti, nella speranza che le numerose fotografie non causino danni alle case splendidamente dipinte.

Le «pietre delle streghe» nei pressi di Ardez non hanno subito quasi nessun danno nel corso dei secoli. Le lastre di calcescisto si trovano direttamente sul percorso ciclabile e si stima che risalgano al 2000 a.C. circa. Molti anni fa, più di 100 incavi a forma di ciotola furono effettuati in queste pietre e a volte sono collegati individualmente da scanalature. Non è chiaro se questa opera sia stata realizzata per scopi religiosi o pratici. Ora la strada scende rapidamente e rumorosamente a Scuol. Alla stazione ferrovia i ciclisti aspettano la Ferrovia retica, che li riporta a Zernez. Un enorme scomparto per biciclette fa in modo che i mezzi a due ruote possano essere riposti senza stress.

Anche i bagni termali di Scuol sono privi di stress. Lo slogan la dice tutta: «Fare il bagno in pura acqua minerale». Nei dintorni di Scuol sgorgano più di 20 sorgenti minerali. Tra Scuol e Martina i ciclisti amatoriali vengono sorpassati da veri sportivi delle due ruote. Il percorso è meraviglioso, ma non è adatto alle bici da corsa. Molto al di sopra del fiume Inn e appena udibile, si trova la semiautostrada. E ancora più in alto, quasi a toccare le nuvole, dei graziosi paesini. L'ultima località prima del confine si chiama Martina: qui il mondo finisce. Così almeno sembrerebbe a prima vista, se non fosse per la dogana e la segnaletica austriaca e comunitaria che indicano la strada per Nauders o, volendo cimentarsi nella pista ciclabile dell’Inn, per il Tirolo.
La natura maestosa della Bassa Engadina appare silenziosa come il battito d'ali di un'aquila, un piccolo rifugio per le specie minacciate. A fare da contrasto ci pensano le case riccamente decorate sui terrazzi soleggiati e le sorgenti minerali di Scuol-Tarasp.
Zernez costituisce il punto di collegamento tra l'Alta e la Bassa Engadina. L’aspetto uniforme del villaggio è dovuto al grande incendio del 1872. Zernez è il punto di partenza per le escursioni nel Parco Nazionale Svizzero. Dal 2007 l'intera amministrazione del parco si trova nei locali del castello Planta-Wildenberg. L’adiacente cubo monolitico in cemento è il Centro del Parco Nazionale, dove si scoprono fatti sul comportamento da adottare nel parco, sulle visite guidate, sui sentieri escursionistici e sulle condizioni meteorologiche. È consigliabile vivere la Bassa Engadina, che si fa sempre più angusta, a piedi, in bicicletta o in canoa. A sinistra e a destra si ergono maestose vette di 3000 metri. Anche i villaggi di Susch e Lavin, con le loro pregevoli case, sono graziosi. Risalendo dei ripidi tornanti si arriva al soleggiato villaggio terrazzato di Guarda. Guarda e la vicina località di Ardez sono beni culturali protetti. Con orgoglio e tolleranza la gente del posto osserva i numerosi turisti, nella speranza che le numerose fotografie non causino danni alle case splendidamente dipinte.

Le «pietre delle streghe» nei pressi di Ardez non hanno subito quasi nessun danno nel corso dei secoli. Le lastre di calcescisto si trovano direttamente sul percorso ciclabile e si stima che risalgano al 2000 a.C. circa. Molti anni fa, più di 100 incavi a forma di ciotola furono effettuati in queste pietre e a volte sono collegati individualmente da scanalature. Non è chiaro se questa opera sia stata realizzata per scopi religiosi o pratici. Ora la strada scende rapidamente e rumorosamente a Scuol. Alla stazione ferrovia i ciclisti aspettano la Ferrovia retica, che li riporta a Zernez. Un enorme scomparto per biciclette fa in modo che i mezzi a due ruote possano essere riposti senza stress.

Anche i bagni termali di Scuol sono privi di stress. Lo slogan la dice tutta: «Fare il bagno in pura acqua minerale». Nei dintorni di Scuol sgorgano più di 20 sorgenti minerali. Tra Scuol e Martina i ciclisti amatoriali vengono sorpassati da veri sportivi delle due ruote. Il percorso è meraviglioso, ma non è adatto alle bici da corsa. Molto al di sopra del fiume Inn e appena udibile, si trova la semiautostrada. E ancora più in alto, quasi a toccare le nuvole, dei graziosi paesini. L'ultima località prima del confine si chiama Martina: qui il mondo finisce. Così almeno sembrerebbe a prima vista, se non fosse per la dogana e la segnaletica austriaca e comunitaria che indicano la strada per Nauders o, volendo cimentarsi nella pista ciclabile dell’Inn, per il Tirolo.
52 km
Asfalto: 31 km
Pavimentazione naturale: 21 km
900 m | 1350 m
medio

Andata | ritorno

Di più …

Tipo di terreno
Attenzione: nei tratti più in quota, è possibile incontrare sentieri sconnessi o paludosi.
Aggiramento di Guarda e Ftan
51
Aggiramento di Guarda e Ftan
Suggerimento su treno, bus e battello
Lavin–Scuol-Tarasp
o
Scuol-Tarasp–Lavin
Motivo: dislivello risparmiato Lavin–Scuol 400m, Scuol–Lavin 600m.
Trasporto bici: numero di posti limitato.
Orari FFS
Avvertimento
Attenzione: tratto ripido su sentiero naturale fra Sur En e San Niclà

Andata | ritorno

Servizi

Alloggio

Chamanna dal Linard CAS
Chamanna dal Linard CAS
Lavin
Hotel Crusch Alba
Hotel Crusch Alba
Zernez
Chamanna Lischana CAS
Chamanna Lischana CAS
Scuol
Camping Sur En
Camping Sur En
Sent
Ferienhof Pua
Ferienhof Pua
Sent
Hotel Altana
Hotel Altana
Scuol
Hotel Bellavista
Hotel Bellavista
Ftan
Hotel Conrad
Hotel Conrad
Scuol
Jugendherberge Scuol
Jugendherberge Scuol
Scuol
TCS Camping Scuol
TCS Camping Scuol
Scuol
Visualizzare tutto

Offerte prenotabili

Route des Grisons Est: Chur - Scoul
Route des Grisons Est: Chur - Scoul
Visualizzare tutto

Località

Lavin
Lavin
Zernez
Zernez
Ardez
Ardez
Ftan
Ftan
Guarda
Guarda
Scuol
Scuol
Sent
Sent
Martina
Martina
Ramosch
Ramosch
Visualizzare tutto

Curiosità

Centro del parco nazionale
Centro del parco nazionale
Parco Nazionale Svizzero
Parco Nazionale Svizzero
Castel Tarasp
Castel Tarasp
Seilpark Engadin
Seilpark Engadin
La patria di Schellen-Ursli
La patria di Schellen-Ursli
Centro Storico e Castel Steinberg
Centro Storico e Castel Steinberg
Gole della Val d'Uina
Gole della Val d'Uina
Terrazze Agricole e Birreria
Terrazze Agricole e Birreria
Visualizzare tutto

Nuotate

Engadin Bad Scuol
Engadin Bad Scuol
Visualizzare tutto