756 La Siberie Bike
756 La Siberie Bike

Mountain bike

La Sibérie Bike

La Sibérie Bike

Les Ponts-de-Martel–La Brévine–Les Ponts-de-Martel

Servizio sul sentiero
90 foto

ML_756_112_nach_Le_Petit_Gardot_F_M.jpg
La Sibérie Bike

La Sibérie Bike

42: la lunghezza in km di questo percorso. Meno 42: la temperatura record registrata a La Brévine, nota come «Siberia della Svizzera». Da qui il nome «La Sibérie Bike». Ancora qualche cifra: per 10 km si segue per lo più il confine nazionale nel bosco e per 15 km il percorso nazionale «La Svizzera in bici» Jura Bike.
Dopo la partenza dalla stazione ferroviaria del villaggio orologiero di Ponts-de-Martel, i primi chilometri nella Vallée des Ponts sono pianeggianti e quindi facilmente percorribili. Sulla sinistra, le estese torbiere invitano a fare una deviazione. Fino al secolo XX qui si estraeva la torba, che veniva utilizzata come combustibile da riscaldamento. I canali di derivazione s’innalzano per diversi metri sopra il paesaggio. Oggi questa zona è una riserva naturale protetta. Dopo la torbiera ci si dirige a destra: una salita sassosa nel bosco permette di raggiungere la Vallée de la Brévine, sull’altro versante, dopo avere superato un valico. Il villaggio di La Brevine è noto soprattutto per il suo clima rigido. Nel gennaio 1987, presso la stazione di misurazione locale, furono registrati -41,8° C: si tratta della temperatura più bassa rilevata da una stazione ufficiale di MeteoSvizzera. Non è raro che il termometro scenda a -30°, motivo per cui questo luogo è anche chiamato la «Siberia della Svizzera». Per rendere omaggio alle basse temperature, ogni anno si celebra la «Fête du froid».

Il percorso si avvicina al confine di stato e, in seguito, si procede per una decina di chilometri su un percorso lungo la frontiera. Circa due chilometri si trovano in territorio francese: si attraversa il confine presso Le Seignolet. Questo tratto nei pressi del confine è caratterizzato da colline ed è tecnicamente più impegnativo. Circa il 70% del percorso si snoda nel bosco e il resto in un pascolo. Alcuni chilometri pianeggianti e asfaltati conducono ai piedi del Grand Sonmartel, il punto più elevato dell’itinerario, raggiungibile seguendo un single trail e un sentiero. La salita è piuttosto ripida. Sulle alture del Petit e del Grand Sonmartel si gode di una magnifica vista sulla valle della Sagne, sulla catena del Mont Racine e sulle Alpi. Lo scenario è caratterizzato dagli estesi pascoli alpini e dagli imponenti abeti rossi.

Una lunga discesa su una strada campestre passa davanti alle due «métairies» (aziende agricole) Petit-Sommartel e Petite-Joux. Dopo La Grande-Joux, c’è un tratto asfaltato e per circa due chilometri la strada è pianeggiante. Poi improvvisamente si segue una discesa molto ripida nel bosco. Qui solo gli amanti dell'avventura e i professionisti rimangono in sella alla mountain bike, tutti gli altri scendono per precauzione. Per rientrare ci si serve della stessa strada imboccata alla partenza.
42: la lunghezza in km di questo percorso. Meno 42: la temperatura record registrata a La Brévine, nota come «Siberia della Svizzera». Da qui il nome «La Sibérie Bike». Ancora qualche cifra: per 10 km si segue per lo più il confine nazionale nel bosco e per 15 km il percorso nazionale «La Svizzera in bici» Jura Bike.
Dopo la partenza dalla stazione ferroviaria del villaggio orologiero di Ponts-de-Martel, i primi chilometri nella Vallée des Ponts sono pianeggianti e quindi facilmente percorribili. Sulla sinistra, le estese torbiere invitano a fare una deviazione. Fino al secolo XX qui si estraeva la torba, che veniva utilizzata come combustibile da riscaldamento. I canali di derivazione s’innalzano per diversi metri sopra il paesaggio. Oggi questa zona è una riserva naturale protetta. Dopo la torbiera ci si dirige a destra: una salita sassosa nel bosco permette di raggiungere la Vallée de la Brévine, sull’altro versante, dopo avere superato un valico. Il villaggio di La Brevine è noto soprattutto per il suo clima rigido. Nel gennaio 1987, presso la stazione di misurazione locale, furono registrati -41,8° C: si tratta della temperatura più bassa rilevata da una stazione ufficiale di MeteoSvizzera. Non è raro che il termometro scenda a -30°, motivo per cui questo luogo è anche chiamato la «Siberia della Svizzera». Per rendere omaggio alle basse temperature, ogni anno si celebra la «Fête du froid».

Il percorso si avvicina al confine di stato e, in seguito, si procede per una decina di chilometri su un percorso lungo la frontiera. Circa due chilometri si trovano in territorio francese: si attraversa il confine presso Le Seignolet. Questo tratto nei pressi del confine è caratterizzato da colline ed è tecnicamente più impegnativo. Circa il 70% del percorso si snoda nel bosco e il resto in un pascolo. Alcuni chilometri pianeggianti e asfaltati conducono ai piedi del Grand Sonmartel, il punto più elevato dell’itinerario, raggiungibile seguendo un single trail e un sentiero. La salita è piuttosto ripida. Sulle alture del Petit e del Grand Sonmartel si gode di una magnifica vista sulla valle della Sagne, sulla catena del Mont Racine e sulle Alpi. Lo scenario è caratterizzato dagli estesi pascoli alpini e dagli imponenti abeti rossi.

Una lunga discesa su una strada campestre passa davanti alle due «métairies» (aziende agricole) Petit-Sommartel e Petite-Joux. Dopo La Grande-Joux, c’è un tratto asfaltato e per circa due chilometri la strada è pianeggiante. Poi improvvisamente si segue una discesa molto ripida nel bosco. Qui solo gli amanti dell'avventura e i professionisti rimangono in sella alla mountain bike, tutti gli altri scendono per precauzione. Per rientrare ci si serve della stessa strada imboccata alla partenza.
43 km | 1 Tappa
Asfalto: 24 km
Pavimentazione naturale: 19 km
di cui single trail: 5 km
950 m | 950 m
medio | difficile

Andata | ritorno

Andata / ritorno Les Ponts-de-Martel
Orari FFS Visualizzare la fermata e il percorso sulla mappa

Segnaletica

Segnaletica
Questo percorso è segnalato solo in una direzione: Les Ponts-de-Martel – La Brévine – Le Prévoux – Les Ponts-de-Martel

Avvertimenti

Avvertimento
Attenzione: Questo è un itinerario che attraversa la frontiera, quindi è consigliabile portare un documento d'identità.

Andata | ritorno

Andata / ritorno Les Ponts-de-Martel
Orari FFS Visualizzare la fermata e il percorso sulla mappa

Contatto

Tourisme neuchâtelois
Hôtel des Postes
Place du Port 2
2000 Neuchâtel
Tel. +41 (0)32 889 68 90
info@ne.ch
www.neuchateltourisme.ch

Servizi

Alloggio

B&B Villa Moncalme
B&B Villa Moncalme
Travers
La ferme du grand Roumaillard
La ferme du grand Roumaillard
Travers
Commune de La Brévine
Commune de La Brévine
La Brévine
Guesthouse Le Locle
Guesthouse Le Locle
Le Locle
Maison DuBois - Chambres d’hôtes
Maison DuBois - Chambres d’hôtes
Le Locle
Hôtel von Bergen
Hôtel von Bergen
La Sagne
Les Favarges 3
Les Favarges 3
Les Ponts-de-Martel
Visualizzare tutto

Località

Noiraigue
Noiraigue
La Brévine
La Brévine
Les Brenets
Les Brenets
Le Locle
Le Locle
Visualizzare tutto

Curiosità

Musée d'horlogerie du Locle
Musée d'horlogerie du Locle
I Mulini sotterranei di Col-des-Roches
I Mulini sotterranei di Col-des-Roches
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le mountain bike sugli indicatori di direzione rossi. Durante il vostro tour, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica