753 Pouillerel Bike
753 Pouillerel Bike

Mountain bike

Pouillerel Bike

Pouillerel Bike

La Chaux-de-Fonds–Les Roches-de-Moron–La Chaux-de-Fonds

Servizio sul sentiero
76 foto

ML_753_023_Pouillerel_F_M.jpg
Pouillerel Bike

Pouillerel Bike

Dalla città orologiera di La Chaux-de-Fonds si sfiora la prima casa costruita da Le Corbusier per poi recarsi alla vetta panoramica Gros Crêt. La vista che spazia dalle Alpi ai Vosgi è impressionante, proprio come la visuale che si ammira da un dirupo sul fiume Doubs e sul lago di Moron.
La Chaux-de-Fonds e la vicina Le Locle sono considerate il centro dell'industria orologiera svizzera. La disposizione a scacchiera delle strade soddisfa alcuni criteri: il traffico è più fluido e l'incidenza della luce forte. Varie note aziende orologiere hanno ancora la loro sede centrale a La Chaux-de-Fonds: un valido motivo per cui la città è entrata a far parte del patrimonio mondiale dell'umanità UNESCO. Nonostante le dimensioni di questa località e la sua importanza industriale, la campagna circostante è scarsamente popolata. In altre parole: con la mountain bike si raggiunge la natura in un batter d’occhio. Dalla stazione ferroviaria il percorso segue dapprima la strada principale, Avenue Léopold-Robert, nota anche come «le Pod». In seguito, ci si dirige a nord sfiorando il parco zoologico per poi proseguire in salita nel bosco. Ai margini del bosco e un po' nascosta c’è la Maison Blanche. Si tratta della prima costruzione di Le Corbusier: la edificò per i suoi genitori sulle colline della sua città natale. Questo architetto di fama mondiale se ne servì come un vero e proprio laboratorio sperimentale per i suoi concetti architettonici.

La via per lasciare la città è abbastanza ripida, così come la stradina verso «Chez Capel» e il Gros Crêt. Il punto più elevato dell’itinerario è anche la cima più alta del Parco naturale del Doubs. Questa collina panoramica regala una prima attrazione: una vista a 360° su Giura, Vosgi, Chasseral, Alpi e Chasseron. In seguito, si alternano pascoli e single trail. Il celebre «sentier des copeaux» è un vero gioiello. Subito dopo essersi addentrati nel bosco, vale la pena parcheggiare la mountain bike nei pressi dell’incrocio per scendere al punto panoramico Escarpineau. Qui si può ammirare la vista mozzafiato sulle gole del Doubs. Ma non è tutto per quanto riguarda il paesaggio: circa due chilometri più avanti, un'altra sosta alle «Roches de Moron» è d’obbligo. Il fiume Doubs e il lago di Moron si trovano ai nostri piedi. Questo lago artificiale dal colore blu profondo segna il confine con la Francia.

Il villaggio contadino di Les Planchettes sul versante settentrionale del Pouillerel si trova sopra la stretta e profonda valle. Seguono un breve tratto asfaltato nonché una salita tecnica e impegnativa su erba e trail. Qui, il terreno è in parte scivoloso. L’ultima parte, caratterizzata da passaggi attraverso il bosco e i pascoli, è magnifica. Si ritorna in città seguendo lo stesso percorso.
Dalla città orologiera di La Chaux-de-Fonds si sfiora la prima casa costruita da Le Corbusier per poi recarsi alla vetta panoramica Gros Crêt. La vista che spazia dalle Alpi ai Vosgi è impressionante, proprio come la visuale che si ammira da un dirupo sul fiume Doubs e sul lago di Moron.
La Chaux-de-Fonds e la vicina Le Locle sono considerate il centro dell'industria orologiera svizzera. La disposizione a scacchiera delle strade soddisfa alcuni criteri: il traffico è più fluido e l'incidenza della luce forte. Varie note aziende orologiere hanno ancora la loro sede centrale a La Chaux-de-Fonds: un valido motivo per cui la città è entrata a far parte del patrimonio mondiale dell'umanità UNESCO. Nonostante le dimensioni di questa località e la sua importanza industriale, la campagna circostante è scarsamente popolata. In altre parole: con la mountain bike si raggiunge la natura in un batter d’occhio. Dalla stazione ferroviaria il percorso segue dapprima la strada principale, Avenue Léopold-Robert, nota anche come «le Pod». In seguito, ci si dirige a nord sfiorando il parco zoologico per poi proseguire in salita nel bosco. Ai margini del bosco e un po' nascosta c’è la Maison Blanche. Si tratta della prima costruzione di Le Corbusier: la edificò per i suoi genitori sulle colline della sua città natale. Questo architetto di fama mondiale se ne servì come un vero e proprio laboratorio sperimentale per i suoi concetti architettonici.

La via per lasciare la città è abbastanza ripida, così come la stradina verso «Chez Capel» e il Gros Crêt. Il punto più elevato dell’itinerario è anche la cima più alta del Parco naturale del Doubs. Questa collina panoramica regala una prima attrazione: una vista a 360° su Giura, Vosgi, Chasseral, Alpi e Chasseron. In seguito, si alternano pascoli e single trail. Il celebre «sentier des copeaux» è un vero gioiello. Subito dopo essersi addentrati nel bosco, vale la pena parcheggiare la mountain bike nei pressi dell’incrocio per scendere al punto panoramico Escarpineau. Qui si può ammirare la vista mozzafiato sulle gole del Doubs. Ma non è tutto per quanto riguarda il paesaggio: circa due chilometri più avanti, un'altra sosta alle «Roches de Moron» è d’obbligo. Il fiume Doubs e il lago di Moron si trovano ai nostri piedi. Questo lago artificiale dal colore blu profondo segna il confine con la Francia.

Il villaggio contadino di Les Planchettes sul versante settentrionale del Pouillerel si trova sopra la stretta e profonda valle. Seguono un breve tratto asfaltato nonché una salita tecnica e impegnativa su erba e trail. Qui, il terreno è in parte scivoloso. L’ultima parte, caratterizzata da passaggi attraverso il bosco e i pascoli, è magnifica. Si ritorna in città seguendo lo stesso percorso.
22 km | 1 Tappa
Asfalto: 10 km
Pavimentazione naturale: 12 km
di cui single trail: 6 km
680 m | 680 m
facile | facile

Andata | ritorno

Segnaletica

Segnaletica
Questo percorso è segnalato solo in una direzione: La Chaux-de-Fonds – Gros Crêt – Les Roches-de-Moron – Les Planchettes – Pouillerel – La Chaux-de-Fonds

Andata | ritorno

Contatto

Tourisme neuchâtelois
Hôtel des Postes
Place du Port 2
2000 Neuchâtel
Tel. +41 (0)32 889 68 90
info@ne.ch
www.neuchateltourisme.ch

Servizi

Alloggio

Camping Bois-du-Couvent
Camping Bois-du-Couvent
La Chaux-de-Fonds
Hôtel Athmos
Hôtel Athmos
La Chaux-de-Fonds
Chez Gilles Hôtel – Resto – Bar
Chez Gilles Hôtel – Resto – Bar
La Chaux-de-Fonds
La Coquille
La Coquille
La Chaux-de-Fonds
La ferme du sommet de Pouillerel
La ferme du sommet de Pouillerel
La Chaux-de-Fonds
Maison DuBois - Chambres d’hôtes
Maison DuBois - Chambres d’hôtes
Le Locle
Guesthouse Le Locle
Guesthouse Le Locle
Le Locle
B&B La Salomé
B&B La Salomé
Les Planchettes
Grand Hôtel Les Endroits
Grand Hôtel Les Endroits
La Chaux-de-Fonds
Visualizzare tutto

Località

La Chaux-de-Fonds
La Chaux-de-Fonds
Le Locle
Le Locle
Visualizzare tutto

Curiosità

Urbanismo Orologiaio (UNESCO)
Urbanismo Orologiaio (UNESCO)
Museo internationale d’Orologeria
Museo internationale d’Orologeria
Musée d'horlogerie du Locle
Musée d'horlogerie du Locle
Visualizzare tutto

Nuotate

Piscina des Mélèzes La Chaux-de-Fonds
Piscina des Mélèzes La Chaux-de-Fonds
Piscina coperta des Arêtes, La Chaux-de-Fonds
Piscina coperta des Arêtes, La Chaux-de-Fonds
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le mountain bike sugli indicatori di direzione rossi. Durante il vostro tour, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica