false

La Svizzera in bici

Galleria fotografica

Camminare a

Sedrun
Jakobsweg Graubünden
Jakobsweg Graubünden
Tappa 19, Sedrun–Etzlihütte
Visualizzare tutto
Jakobsweg Graubünden
Jakobsweg Graubünden
Tappa 18, Disentis–Sedrun
Visualizzare tutto
Senda Sursilvana
Senda Sursilvana
Tappa 2, Sedrun–Sumvitg
Visualizzare tutto
Senda Sursilvana
Senda Sursilvana
Tappa 1, Andermatt–Sedrun
Visualizzare tutto
Hexenplatte
Hexenplatte
Percorso 675, Sedrun–Sedrun
Visualizzare tutto

In bici a

Sedrun
Percorso del Reno
Percorso del Reno
Tappa 1, Andermatt–Disentis
Visualizzare tutto

In mountain bike a

Sedrun
Alpine Bike
Stausee Nalps–Cavorgia
Maighelshütte–Oberalppass
Bostg
Tujetsch
Sedrun

Sedrun

Il Comune di Tujetsch/Sedrun, vicino a Disentis, sorge a 1'450 m s.l.m. nella parte più alta del Surselva. Qui, gli sport invernali hanno preso piede ancora prima che nel villaggio abbaziale. Il lago Tomasee è la sorgente del Reno.
Dopo la fondazione dell’abbazia di Disentis, nell’VIII secolo il territorio di Tujetsch iniziò ad essere abitato. La zona, molto boschiva, fu pesantemente disboscata, in parte anche sui versanti montuosi, e questo causò ripetuti distaccamenti di slavine. La disgrazia più grave si verificò nel 1749, quando una slavina seppellì Rueras causando la morte di 64 persone.

Con la consacrazione della chiesa parrocchiale di Sedrun, Tujetsch fu menzionata per la prima volta nei documenti ufficiali. Lo sviluppo del villaggio è stato strettamente legato all’abbazia che esercitava il proprio dominio sul Comune. Fino al XVIII secolo, la popolazione viveva prevalentemente in cascine e fattorie. Successivamente si registrò un progressivo trasferimento verso il fondovalle. Fino alla Seconda Guerra Mondiale, l’agricoltura era l'attività di sostentamento prevalente. Nel 1939 le aziende agricole erano ancora 144, mentre oggi ne sono rimaste solo circa 35. Grazie ai canoni per i diritti d'acqua che il Comune ha iniziato a riscuotere dopo la costruzione della centrale idroelettrica sul Reno anteriore, è stato possibile migliorare le infrastrutture del villaggio e promuovere il turismo invernale.

Oggi Tujetsch conta poco più di 2'000 abitanti, rispetto a un’offerta di 5'250 posti letto per i turisti. Gli sport invernali venivano praticati già all’inizio del XX secolo. Nel 1914 è stato fondato lo sci club e nel 1929 la scuola di sci. Il primo impianto di risalita è stato messo in servizio nel 1956.

La regione del Surselva è ricca di minerali e attira numerosi «Strahler» (cercatori di minerali). Il museo La Truaisch ospita una collezione comprendente i ritrovamenti più belli e spettacolari. Nel museo è inoltre riprodotta un’abitazione che consente di comprendere come fosse in passato la vita quotidiana di una famiglia della zona.

Il Surselva è un bel comprensorio per escursioni e tour. L’offerta è completata da sentieri didattici come il «Blumen- und Kräuterweg» (sentiero dei fiori e delle erbe medicinali, dall’Oberalppass a Tschamut), l’«Ökowanderweg» (sentiero escursionistico sull’ecologia, dall’Oberalppass a Canagieri) o il «Planetenweg» (sentiero dei pianeti, Sedrun-Disentis). Nei dintorni dell’Oberalppass, nell’idilliaco lago Tomasee, si trova la sorgente del Reno.

Highlights

  • Comprensorio di sport invernali con numerose infrastrutture
  • Rete di sentieri escursionistici (200 km) e rete di tour per mountain bike, completata da sentieri tematici: sentiero dei fiori e delle erbe medicinali, sentiero escursionistico sull’ecologia, sentiero dei pianeti
  • Tour montani e sugli sci
  • Cantiere Alptransit (visite su prenotazione)
Il Comune di Tujetsch/Sedrun, vicino a Disentis, sorge a 1'450 m s.l.m. nella parte più alta del Surselva. Qui, gli sport invernali hanno preso piede ancora prima che nel villaggio abbaziale. Il lago Tomasee è la sorgente del Reno.
Dopo la fondazione dell’abbazia di Disentis, nell’VIII secolo il territorio di Tujetsch iniziò ad essere abitato. La zona, molto boschiva, fu pesantemente disboscata, in parte anche sui versanti montuosi, e questo causò ripetuti distaccamenti di slavine. La disgrazia più grave si verificò nel 1749, quando una slavina seppellì Rueras causando la morte di 64 persone.

Con la consacrazione della chiesa parrocchiale di Sedrun, Tujetsch fu menzionata per la prima volta nei documenti ufficiali. Lo sviluppo del villaggio è stato strettamente legato all’abbazia che esercitava il proprio dominio sul Comune. Fino al XVIII secolo, la popolazione viveva prevalentemente in cascine e fattorie. Successivamente si registrò un progressivo trasferimento verso il fondovalle. Fino alla Seconda Guerra Mondiale, l’agricoltura era l'attività di sostentamento prevalente. Nel 1939 le aziende agricole erano ancora 144, mentre oggi ne sono rimaste solo circa 35. Grazie ai canoni per i diritti d'acqua che il Comune ha iniziato a riscuotere dopo la costruzione della centrale idroelettrica sul Reno anteriore, è stato possibile migliorare le infrastrutture del villaggio e promuovere il turismo invernale.

Oggi Tujetsch conta poco più di 2'000 abitanti, rispetto a un’offerta di 5'250 posti letto per i turisti. Gli sport invernali venivano praticati già all’inizio del XX secolo. Nel 1914 è stato fondato lo sci club e nel 1929 la scuola di sci. Il primo impianto di risalita è stato messo in servizio nel 1956.

La regione del Surselva è ricca di minerali e attira numerosi «Strahler» (cercatori di minerali). Il museo La Truaisch ospita una collezione comprendente i ritrovamenti più belli e spettacolari. Nel museo è inoltre riprodotta un’abitazione che consente di comprendere come fosse in passato la vita quotidiana di una famiglia della zona.

Il Surselva è un bel comprensorio per escursioni e tour. L’offerta è completata da sentieri didattici come il «Blumen- und Kräuterweg» (sentiero dei fiori e delle erbe medicinali, dall’Oberalppass a Tschamut), l’«Ökowanderweg» (sentiero escursionistico sull’ecologia, dall’Oberalppass a Canagieri) o il «Planetenweg» (sentiero dei pianeti, Sedrun-Disentis). Nei dintorni dell’Oberalppass, nell’idilliaco lago Tomasee, si trova la sorgente del Reno.

Highlights

  • Comprensorio di sport invernali con numerose infrastrutture
  • Rete di sentieri escursionistici (200 km) e rete di tour per mountain bike, completata da sentieri tematici: sentiero dei fiori e delle erbe medicinali, sentiero escursionistico sull’ecologia, sentiero dei pianeti
  • Tour montani e sugli sci
  • Cantiere Alptransit (visite su prenotazione)

Andata e ritorno Sedrun

Adresse

Sedrun Disentis Tourismus
Via Alpsu 64a
7188 Sedrun
Tel. +41 (0)81 920 40 30
info@disentis-sedrun.ch
www.disentis-sedrun.ch

Servizi

Alloggio

Café Dulezi / La Roda / Bäckerei
Café Dulezi / La Roda / Bäckerei
Sedrun
Camona da Maighels CAS
Camona da Maighels CAS
Sedrun
Visualizzare tutto

Curiosità

Alla sorgente del Reno anteriore
Alla sorgente del Reno anteriore
La sorgente del Reno – Il lago di Toma
La sorgente del Reno – Il lago di Toma
Visualizzare tutto

Camminare a

Sedrun
Jakobsweg Graubünden
Jakobsweg Graubünden
Tappa 19, Sedrun–Etzlihütte
Visualizzare tutto
Jakobsweg Graubünden
Jakobsweg Graubünden
Tappa 18, Disentis–Sedrun
Visualizzare tutto
Senda Sursilvana
Senda Sursilvana
Tappa 2, Sedrun–Sumvitg
Visualizzare tutto
Senda Sursilvana
Senda Sursilvana
Tappa 1, Andermatt–Sedrun
Visualizzare tutto
Hexenplatte
Hexenplatte
Percorso 675, Sedrun–Sedrun
Visualizzare tutto

In bici a

Sedrun
Percorso del Reno
Percorso del Reno
Tappa 1, Andermatt–Disentis
Visualizzare tutto

In mountain bike a

Sedrun
Alpine Bike
Stausee Nalps–Cavorgia
Maighelshütte–Oberalppass
Bostg