La Svizzera in bici

Galleria fotografica

Escursioni a piedi nei dintorni

Sentiero alpino panoramico
Sentiero alpino panoramico
Tappa 24, Vevey (Corseaux)–Lausanne
Visualizzare tutto
ViaFrancigena
ViaFrancigena
Tappa 5, Lausanne–Vevey
Visualizzare tutto
Terrasses de Lavaux
Terrasses de Lavaux
Percorso 113, St-Saphorin–Lutry
Visualizzare tutto

Ciclismo nei dintorni

Herzroute
Herzroute
Tappa 1, Lausanne–Romont
Visualizzare tutto
Tour du Léman
Tour du Léman
Tappa 3, Morges–Montreux
Visualizzare tutto
Percorso del Rodano
Percorso del Rodano
Tappa 6, Montreux–Morges
Visualizzare tutto
Percorso dei laghi
Percorso dei laghi
Tappa 1, Montreux–Bulle
Visualizzare tutto
Tour du Mont Pélerin
Tour du Mont Pélerin
Percorso 478, Chexbres–Palézieux–Chardonne–Chexbres
Visualizzare tutto
Saint-Saphorin (Lavaux)
Chiesa di Saint-Saphorin

Chiesa di Saint-Saphorin

La storia di Saint-Saphorin inizia all'epoca romana. Infatti, il paese possiede una pietra miliare la cui iscrizione risale all'anno 47 della nostra epoca.
Durante il medioevo, Saint-Saphorin era spesso chiamata «Glérolles» e all'epoca romana «Glerula». Si racconta che l'agglomerazione di «Glérolles» fu totalmente devastata dalle acque della frana del «Tauretunum».

Il vescovo Marius decise allora di ricostruire la chiesa più in alto e di dedicarla a «Saint Symphorien» che diede il proprio nome a Saint-Saphorin. La parrocchia di Saint-Saphorin risale dunque al VI secolo (530-594). Saint-Saphorin faceva parte delle «Terre de l’évêque» (terre del vescovo) durante il medioevo. Sébastien de Montfalcon, l'ultimo vescovo, fece costruire la chiesa attuale nel 1520. Lo si vede inginocchiato nell'artistica vetrata della chiesa stessa. Le circoscrizioni religiose furono pure costituite durante il medioevo.
La storia di Saint-Saphorin inizia all'epoca romana. Infatti, il paese possiede una pietra miliare la cui iscrizione risale all'anno 47 della nostra epoca.
Durante il medioevo, Saint-Saphorin era spesso chiamata «Glérolles» e all'epoca romana «Glerula». Si racconta che l'agglomerazione di «Glérolles» fu totalmente devastata dalle acque della frana del «Tauretunum».

Il vescovo Marius decise allora di ricostruire la chiesa più in alto e di dedicarla a «Saint Symphorien» che diede il proprio nome a Saint-Saphorin. La parrocchia di Saint-Saphorin risale dunque al VI secolo (530-594). Saint-Saphorin faceva parte delle «Terre de l’évêque» (terre del vescovo) durante il medioevo. Sébastien de Montfalcon, l'ultimo vescovo, fece costruire la chiesa attuale nel 1520. Lo si vede inginocchiato nell'artistica vetrata della chiesa stessa. Le circoscrizioni religiose furono pure costituite durante il medioevo.

Chiesa di Saint-Saphorin

Adresse

Montreux-Vevey Tourisme
rue du Théâtre 5
1820 Montreux
Tel. +41 (0)848 86 84 84
info@montreuxriviera.com
www.montreuxriviera.com

Servizi

Escursioni a piedi nei dintorni

Sentiero alpino panoramico
Sentiero alpino panoramico
Tappa 24, Vevey (Corseaux)–Lausanne
Visualizzare tutto
ViaFrancigena
ViaFrancigena
Tappa 5, Lausanne–Vevey
Visualizzare tutto
Terrasses de Lavaux
Terrasses de Lavaux
Percorso 113, St-Saphorin–Lutry
Visualizzare tutto

Ciclismo nei dintorni

Herzroute
Herzroute
Tappa 1, Lausanne–Romont
Visualizzare tutto
Tour du Léman
Tour du Léman
Tappa 3, Morges–Montreux
Visualizzare tutto
Percorso del Rodano
Percorso del Rodano
Tappa 6, Montreux–Morges
Visualizzare tutto
Percorso dei laghi
Percorso dei laghi
Tappa 1, Montreux–Bulle
Visualizzare tutto
Tour du Mont Pélerin
Tour du Mont Pélerin
Percorso 478, Chexbres–Palézieux–Chardonne–Chexbres
Visualizzare tutto