false

La Svizzera in bici

Galleria fotografica

Camminare a

Yvonand
Chemin des Trois-Lacs
Chemin des Trois-Lacs
Tappa 1, Yverdon-les-Bains–Estavayer-le-Lac
Visualizzare tutto
Chemin des grèves du Lac de Neuchâtel
Chemin des grèves du Lac de Neuchâtel
Percorso 284, Yvonand–Estavayer-le-Lac
Visualizzare tutto
Chemin du Vallon des Vaux
Chemin du Vallon des Vaux
Percorso 129, Yvonand–Yvonand
Visualizzare tutto

In bici a

Yvonand
Percorso dell’Altopiano
Percorso dell’Altopiano
Tappa 6, Ins–Yverdon
Visualizzare tutto
Yvonand
Yvonand

Yvonand

Yvonand, con il suo porticciolo e la lunga spiaggia di sabbia sulla riva meridionale del Lac de Neuchâtel, è diventata una piccola località turistica. Percorrendo a piedi o in bicicletta i sentieri che si snodano nell'entroterra, si scoprono diverse località storico-culturali.
Yvonand sorge a 438 metri s.l.m., non lontano dal capoluogo del distretto Yverdon-les-Bains, su un'ampia piana alluvionale alla foce della Mentue nel Lago di Neuchâtel. La regione rivierasca è pianeggiante e circondata da una cintura di canneti e boschi. Nell'entroterra, il profilo pianeggiante del paesaggio forma in parte uno spigolo roccioso e, infine, cede il passo a un altopiano collinare. Qui, i fiumi Mentue e Vaux hanno scavato profonde gole negli strati di molassa, sopra le quali, a oltre 100 metri di altezza, si protendono due viadotti autostradali.

La località di Yvonand ha una storia di insediamenti antichissima: ad abitare per primi questa regione furono i cavernicoli del Vallon des Vaux, che cedettero poi il passo ai palafitticoli della baia fino ad arrivare all'insediamento romano sviluppatosi ai bordi della strada che da Eburodunum (Yverdon) conduceva ad Aventicum (Avenches). Presso il borgo di Mordagne sono state riportate alla luce le mura di fondazione di una villa romana e, nel 1778, nella località La Baume fu scoperto un mosaico ragguardevole, composto da circa 800'000 tasselli, distrutto dai contadini nella convinzione che celasse un tesoro.

Per lungo tempo le attività principali degli abitanti del Comune sono state l'agricoltura, nella fertile piana, e l'artigianato. Solo nel XIX secolo la costruzione della linea ferroviaria e della strada lungo le rive del lago hanno favorito lo sviluppo industriale. Negli ultimi decenni Yvonand si è trasformata in un comune residenziale. Grazie al porticciolo, all'area per campeggio e alla bella spiaggia di sabbia lunga 200 metri sulla sponda meridionale del Lago di Neuchâtel, Yvonand è sempre più apprezzata anche come piccola ma raffinata località di vacanze.

Le escursioni nei dintorni di Yvonand consentono di scoprire numerose attrattive: La Roche de la Baume (vicino a Rovray) è un'altura rocciosa che sovrasta il borgo e offre una vista straordinaria sul lago e il Giura. Nel XIV secolo, le grotte di arenaria che si trovano qui sono servite da nascondiglio per i falsari. Nel Vallon des Vaux si trova l'Abri-sous-Roche, un sito preistorico nella roccia situato 50 metri al di sopra del ruscello Vaux; procedendo più all'interno della valle si incontra la torre di Saint Martin del XII secolo, da cui si gode una splendida vista sulla zona circostante. Seguono la chiesa di Chêne-Pâquier del XVII secolo, con la sua peculiare forma ovale, e le catacombe romane sotto la chiesa del villaggio di Démoret. A completare la rete di sentieri escursionistici ci sono alcuni sentieri tematici, come il sentiero delle rane («Sentier des grenouilles»), che conduce da stagno a stagno, o il «Sentier du tri» sul tema della raccolta differenziata e il riciclaggio dei rifiuti.

A due ore di marcia o 4 minuti in treno da Yvonand si trova l'ingresso alla riserva naturale della Grande Cariçaie, l'acquitrino lacustre più vasto della Svizzera ed esteso sulle sponde di un lago. I sentieri che si snodano fra paesaggi palustri, boschi e praterie consentono di vivere un'intensa esperienza a contatto con la natura. Sentieri ciclistici ben strutturati portano da Yvonand alle cittadine storiche di Estavayer-le-Lac, Grandson e Yverdon-les-Bains con la sua famosa piscina d'acqua sulfurea termale.

Highlights

  • Spiaggia di sabbia: una spiaggia di sabbia lunga 200 metri, leggermente in pendenza ed accessibile dall'area di campeggio, attira in estate giovani e meno giovani sulle rive del lago.
  • Numerosi siti storici – da ritrovamenti risalenti all'epoca dell'impero romano fino alla grotta di un falsaio – possono essere visitati lungo i sentieri della rete escursionistica.
  • Grande Cariçaie: lungo la riva meridionale del lago si estende la riserva naturale protetta di importanza internazionale, habitat di 1000 varietà vegetali e 10'000 specie animali. Da maggio ad ottobre, presso il centro di protezione della natura di Champ-Pittet è possibile scoprire la ricchezza floro-faunistica della palude rivierasca.
Yvonand, con il suo porticciolo e la lunga spiaggia di sabbia sulla riva meridionale del Lac de Neuchâtel, è diventata una piccola località turistica. Percorrendo a piedi o in bicicletta i sentieri che si snodano nell'entroterra, si scoprono diverse località storico-culturali.
Yvonand sorge a 438 metri s.l.m., non lontano dal capoluogo del distretto Yverdon-les-Bains, su un'ampia piana alluvionale alla foce della Mentue nel Lago di Neuchâtel. La regione rivierasca è pianeggiante e circondata da una cintura di canneti e boschi. Nell'entroterra, il profilo pianeggiante del paesaggio forma in parte uno spigolo roccioso e, infine, cede il passo a un altopiano collinare. Qui, i fiumi Mentue e Vaux hanno scavato profonde gole negli strati di molassa, sopra le quali, a oltre 100 metri di altezza, si protendono due viadotti autostradali.

La località di Yvonand ha una storia di insediamenti antichissima: ad abitare per primi questa regione furono i cavernicoli del Vallon des Vaux, che cedettero poi il passo ai palafitticoli della baia fino ad arrivare all'insediamento romano sviluppatosi ai bordi della strada che da Eburodunum (Yverdon) conduceva ad Aventicum (Avenches). Presso il borgo di Mordagne sono state riportate alla luce le mura di fondazione di una villa romana e, nel 1778, nella località La Baume fu scoperto un mosaico ragguardevole, composto da circa 800'000 tasselli, distrutto dai contadini nella convinzione che celasse un tesoro.

Per lungo tempo le attività principali degli abitanti del Comune sono state l'agricoltura, nella fertile piana, e l'artigianato. Solo nel XIX secolo la costruzione della linea ferroviaria e della strada lungo le rive del lago hanno favorito lo sviluppo industriale. Negli ultimi decenni Yvonand si è trasformata in un comune residenziale. Grazie al porticciolo, all'area per campeggio e alla bella spiaggia di sabbia lunga 200 metri sulla sponda meridionale del Lago di Neuchâtel, Yvonand è sempre più apprezzata anche come piccola ma raffinata località di vacanze.

Le escursioni nei dintorni di Yvonand consentono di scoprire numerose attrattive: La Roche de la Baume (vicino a Rovray) è un'altura rocciosa che sovrasta il borgo e offre una vista straordinaria sul lago e il Giura. Nel XIV secolo, le grotte di arenaria che si trovano qui sono servite da nascondiglio per i falsari. Nel Vallon des Vaux si trova l'Abri-sous-Roche, un sito preistorico nella roccia situato 50 metri al di sopra del ruscello Vaux; procedendo più all'interno della valle si incontra la torre di Saint Martin del XII secolo, da cui si gode una splendida vista sulla zona circostante. Seguono la chiesa di Chêne-Pâquier del XVII secolo, con la sua peculiare forma ovale, e le catacombe romane sotto la chiesa del villaggio di Démoret. A completare la rete di sentieri escursionistici ci sono alcuni sentieri tematici, come il sentiero delle rane («Sentier des grenouilles»), che conduce da stagno a stagno, o il «Sentier du tri» sul tema della raccolta differenziata e il riciclaggio dei rifiuti.

A due ore di marcia o 4 minuti in treno da Yvonand si trova l'ingresso alla riserva naturale della Grande Cariçaie, l'acquitrino lacustre più vasto della Svizzera ed esteso sulle sponde di un lago. I sentieri che si snodano fra paesaggi palustri, boschi e praterie consentono di vivere un'intensa esperienza a contatto con la natura. Sentieri ciclistici ben strutturati portano da Yvonand alle cittadine storiche di Estavayer-le-Lac, Grandson e Yverdon-les-Bains con la sua famosa piscina d'acqua sulfurea termale.

Highlights

  • Spiaggia di sabbia: una spiaggia di sabbia lunga 200 metri, leggermente in pendenza ed accessibile dall'area di campeggio, attira in estate giovani e meno giovani sulle rive del lago.
  • Numerosi siti storici – da ritrovamenti risalenti all'epoca dell'impero romano fino alla grotta di un falsaio – possono essere visitati lungo i sentieri della rete escursionistica.
  • Grande Cariçaie: lungo la riva meridionale del lago si estende la riserva naturale protetta di importanza internazionale, habitat di 1000 varietà vegetali e 10'000 specie animali. Da maggio ad ottobre, presso il centro di protezione della natura di Champ-Pittet è possibile scoprire la ricchezza floro-faunistica della palude rivierasca.

Andata e ritorno Yvonand

Adresse

Office du Tourisme Yvonand
Avenue du Temple 15
1462 Yvonand
Tel. +41 (0)24 430 22 02
yvonand.menthue@gmail.com
www.yvonand-tourisme.ch

Servizi

Alloggio

Hôtel de la Gare
Hôtel de la Gare
Yvonand
Visualizzare tutto

Camminare a

Yvonand
Chemin des Trois-Lacs
Chemin des Trois-Lacs
Tappa 1, Yverdon-les-Bains–Estavayer-le-Lac
Visualizzare tutto
Chemin des grèves du Lac de Neuchâtel
Chemin des grèves du Lac de Neuchâtel
Percorso 284, Yvonand–Estavayer-le-Lac
Visualizzare tutto
Chemin du Vallon des Vaux
Chemin du Vallon des Vaux
Percorso 129, Yvonand–Yvonand
Visualizzare tutto

In bici a

Yvonand
Percorso dell’Altopiano
Percorso dell’Altopiano
Tappa 6, Ins–Yverdon
Visualizzare tutto