false

La Svizzera in bici

Galleria fotografica

Camminare a

Bellinzona
Trans Swiss Trail
Trans Swiss Trail
Tappa 28, Biasca–Bellinzona
Visualizzare tutto
Trans Swiss Trail
Trans Swiss Trail
Tappa 29, Bellinzona–Tesserete
Visualizzare tutto
ViaGottardo
ViaGottardo
Tappa 15, Biasca–Bellinzona
Visualizzare tutto
ViaGottardo
ViaGottardo
Tappa 16, Bellinzona–Tesserete
Visualizzare tutto

In bici a

Bellinzona
Percorso Nord-Sud
Percorso Nord-Sud
Tappa 7, Bellinzona–Agno
Visualizzare tutto
Percorso Nord-Sud
Percorso Nord-Sud
Tappa 6, Airolo–Bellinzona
Visualizzare tutto
Percorso dei Grigioni
Percorso dei Grigioni
Tappa 7, S. Bernardino–Bellinzona
Visualizzare tutto
Percorso Valle Maggia
Percorso Valle Maggia
Tappa 1, Bellinzona–Locarno
Visualizzare tutto
Percorso Pedemontano
Percorso Pedemontano
Percorso 311, Riazzino–Arbedo-Castione
Visualizzare tutto

In mountain bike a

Bellinzona
Valle Morobbia Bike

In skating a

Bellinzona
Magadino Skate
Magadino Skate
Percorso 88, Bellinzona (Castione)–Tenero
Visualizzare tutto
Bellinzona
Bellinzona

Bellinzona

Bellinzona, la città più italiana della Svizzera, vanta una posizione strategica in una valle incassata che costeggia i passi alpini del San Gottardo, del San Bernardo e del Lucomagno. La linea d’orizzonte del capoluogo del Canton Ticino, dal carattere lombardo, è formata da una triade di castelli-fortezze del Medioevo meglio conservati della Svizzera, inseriti nel patrimonio mondiale dell’UNESCO.
Bellinzona vanta una posizione strategica in una valle incassata che costeggia i passi alpini del San Gottardo, del San Bernardo e del Lucomagno. La città costituisce allo stesso tempo un passaggio verso l’Italia venendo da nord e l’accesso alle Alpi da sud.

I suoi angoli caratteristici e le sue piazze, le sue vie, il teatro neoclassico e le antiche dimore perfettamente restaurate testimoniano ai visitatori la storia di questa città di cultura lombarda. Gli hotel riccamente decorati e le belle chiese impreziosiscono le numerose viuzze. Ma il fascino austero di questa città medievale cela anche l’energica vitalità di un moderno crocevia dedicato agli scambi e agli incontri. Le numerose boutique e le botteghe, i negozi di specialità gastronomiche e i caffè invitano a loro volta a passeggiare e a godersi l’atmosfera rilassata. Il sabato la Piazza Nosetto ospita un grande mercato settimanale.

Le costruzioni difensive di Bellinzona fanno parte delle testimonianze più significative dell’arte architettonica militare del Medioevo nell’arco alpino, e perciò sono state inserite nel patrimonio mondiale dell’UNESCO dall’anno 2000. Il Castelgrande, il più antico e più solido dei castelli di Bellinzona, offre una deliziosa veduta sul centro storico e i suoi dintorni. Un piccolo museo nel Castelgrande documenta la storia dei castelli e del cuore della città medievale di Bellinzona. Anche gli altri due castelli ospitano un museo.

L’importanza strategica della città era già stata compresa dagli antichi Romani, che qui fondarono un «castrum» nel I secolo, fortificato nel Medioevo e trasformato in una roccaforte rimasta inespugnabile per molto tempo. Grazie alla sua posizione, Bellinzona fu a più riprese oggetto di conflitti tra i duchi di Milano e i Confederati elvetici. Fu solo nel 1516 che la Confederazione riuscì ad annettere la città ai suoi territori.

Highlights

  • I tre castelli - la fortificazione medievale, che comprende i castelli del Castelgrande, del Castello di Montebello e del Castello di Sasso Corbaro, è inserita nel patrimonio mondiale dell’UNESCO.
  • Villa dei Cedri - galleria d’arte municipale comprendente tele di artisti svizzeri e italiani risalenti alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo, ed opere di artisti contemporanei. Gli artisti della regione sono ben rappresentati.
  • Centro storico – la città vecchia è arricchita da belle dimore borghesi, porte artistiche, balconi in ferro battuto ed insegne di alberghi di un tempo nella zona di Piazza Nosetto, Via del Teatro e Piazza del Governo.
  • Teatro Sociale – casamento ispirato al Teatro della Scala di Milano; corrisponde alla classica tipologia di un teatro in stile italiano e costituisce l’unico teatro del XIX in Svizzera ad essere in ottimo stato di conservazione.
  • Architettura moderna di Bellinzona - l’architetto Aurelio Galfetti ha armoniosamente integrato un ristorante all’avanguardia nel Castelgrande, e il convento degli agostiniani sul Monte Carasso è stato convertito in un centro di formazione moderno dall'architetto Luigi Snozzi.
Bellinzona, la città più italiana della Svizzera, vanta una posizione strategica in una valle incassata che costeggia i passi alpini del San Gottardo, del San Bernardo e del Lucomagno. La linea d’orizzonte del capoluogo del Canton Ticino, dal carattere lombardo, è formata da una triade di castelli-fortezze del Medioevo meglio conservati della Svizzera, inseriti nel patrimonio mondiale dell’UNESCO.
Bellinzona vanta una posizione strategica in una valle incassata che costeggia i passi alpini del San Gottardo, del San Bernardo e del Lucomagno. La città costituisce allo stesso tempo un passaggio verso l’Italia venendo da nord e l’accesso alle Alpi da sud.

I suoi angoli caratteristici e le sue piazze, le sue vie, il teatro neoclassico e le antiche dimore perfettamente restaurate testimoniano ai visitatori la storia di questa città di cultura lombarda. Gli hotel riccamente decorati e le belle chiese impreziosiscono le numerose viuzze. Ma il fascino austero di questa città medievale cela anche l’energica vitalità di un moderno crocevia dedicato agli scambi e agli incontri. Le numerose boutique e le botteghe, i negozi di specialità gastronomiche e i caffè invitano a loro volta a passeggiare e a godersi l’atmosfera rilassata. Il sabato la Piazza Nosetto ospita un grande mercato settimanale.

Le costruzioni difensive di Bellinzona fanno parte delle testimonianze più significative dell’arte architettonica militare del Medioevo nell’arco alpino, e perciò sono state inserite nel patrimonio mondiale dell’UNESCO dall’anno 2000. Il Castelgrande, il più antico e più solido dei castelli di Bellinzona, offre una deliziosa veduta sul centro storico e i suoi dintorni. Un piccolo museo nel Castelgrande documenta la storia dei castelli e del cuore della città medievale di Bellinzona. Anche gli altri due castelli ospitano un museo.

L’importanza strategica della città era già stata compresa dagli antichi Romani, che qui fondarono un «castrum» nel I secolo, fortificato nel Medioevo e trasformato in una roccaforte rimasta inespugnabile per molto tempo. Grazie alla sua posizione, Bellinzona fu a più riprese oggetto di conflitti tra i duchi di Milano e i Confederati elvetici. Fu solo nel 1516 che la Confederazione riuscì ad annettere la città ai suoi territori.

Highlights

  • I tre castelli - la fortificazione medievale, che comprende i castelli del Castelgrande, del Castello di Montebello e del Castello di Sasso Corbaro, è inserita nel patrimonio mondiale dell’UNESCO.
  • Villa dei Cedri - galleria d’arte municipale comprendente tele di artisti svizzeri e italiani risalenti alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo, ed opere di artisti contemporanei. Gli artisti della regione sono ben rappresentati.
  • Centro storico – la città vecchia è arricchita da belle dimore borghesi, porte artistiche, balconi in ferro battuto ed insegne di alberghi di un tempo nella zona di Piazza Nosetto, Via del Teatro e Piazza del Governo.
  • Teatro Sociale – casamento ispirato al Teatro della Scala di Milano; corrisponde alla classica tipologia di un teatro in stile italiano e costituisce l’unico teatro del XIX in Svizzera ad essere in ottimo stato di conservazione.
  • Architettura moderna di Bellinzona - l’architetto Aurelio Galfetti ha armoniosamente integrato un ristorante all’avanguardia nel Castelgrande, e il convento degli agostiniani sul Monte Carasso è stato convertito in un centro di formazione moderno dall'architetto Luigi Snozzi.

Andata e ritorno Bellinzona

Adresse

Bellinzonese e Alto Ticino Turismo
Palazzo Civico
6500 Bellinzona
Tel. +41 (0)91 825 21 31
info@bellinzonese-altoticino.ch
www.bellinzonese-altoticino.ch

Servizi

Alloggio

Camping Bellinzona
Camping Bellinzona
Bellinzona
Capanna Albagno
Capanna Albagno
Monte Carasso
Capanna Cremorasco
Capanna Cremorasco
Camorino
Capanna Gariss
Capanna Gariss
Preonzo
Capanna Genzianella
Capanna Genzianella
Giubiasco
Capanna Leìs
Capanna Leìs
Preonzo
Capanna Mognone
Capanna Mognone
Sementina
Capanna Orino
Capanna Orino
Gudo
Hotel Bellinzona Sud
Hotel Bellinzona Sud
Monte Carasso
Hotel Internazionale
Hotel Internazionale
Bellinzona
Hotel Unione
Hotel Unione
Bellinzona
Ostello per la Gioventù Bellinzona
Ostello per la Gioventù Bellinzona
Bellinzona
Osteria Ritrovo dei Passeggeri
Osteria Ritrovo dei Passeggeri
S. Antonio (Val Morobbia)
Visualizzare tutto

Curiosità

I 3 castelli Unesco di Bellinzona
I 3 castelli Unesco di Bellinzona
Monastero di Santa Maria Assunta
Monastero di Santa Maria Assunta
Teatro Sociale
Teatro Sociale
Visualizzare tutto

Camminare a

Bellinzona
Trans Swiss Trail
Trans Swiss Trail
Tappa 28, Biasca–Bellinzona
Visualizzare tutto
Trans Swiss Trail
Trans Swiss Trail
Tappa 29, Bellinzona–Tesserete
Visualizzare tutto
ViaGottardo
ViaGottardo
Tappa 15, Biasca–Bellinzona
Visualizzare tutto
ViaGottardo
ViaGottardo
Tappa 16, Bellinzona–Tesserete
Visualizzare tutto

In bici a

Bellinzona
Percorso Nord-Sud
Percorso Nord-Sud
Tappa 7, Bellinzona–Agno
Visualizzare tutto
Percorso Nord-Sud
Percorso Nord-Sud
Tappa 6, Airolo–Bellinzona
Visualizzare tutto
Percorso dei Grigioni
Percorso dei Grigioni
Tappa 7, S. Bernardino–Bellinzona
Visualizzare tutto
Percorso Valle Maggia
Percorso Valle Maggia
Tappa 1, Bellinzona–Locarno
Visualizzare tutto
Percorso Pedemontano
Percorso Pedemontano
Percorso 311, Riazzino–Arbedo-Castione
Visualizzare tutto

In mountain bike a

Bellinzona
Valle Morobbia Bike

In skating a

Bellinzona
Magadino Skate
Magadino Skate
Percorso 88, Bellinzona (Castione)–Tenero
Visualizzare tutto