La Svizzera in bici

Galleria fotografica

Hohle_Gasse_1_M.jpg
Hohle_Gasse_2_M.jpg

Escursioni a piedi nei dintorni

Schwyzer Höhenweg
Schwyzer Höhenweg
Tappa 1, Küssnacht a.R.–Rigi
Visualizzare tutto
Waldstätterweg
Waldstätterweg
Tappa 2, Vitznau–Küssnacht
Visualizzare tutto
Waldstätterweg
Waldstätterweg
Tappa 3, Küssnacht–Luzern
Visualizzare tutto

Ciclismo nei dintorni

Luzerner Hinterland–Rigi
Luzerner Hinterland–Rigi
Tappa 3, Luzern–Brunnen
Visualizzare tutto
Rigi–Reuss–Klettgau
Rigi–Reuss–Klettgau
Tappa 1, Brunnen–Rotkreuz
Visualizzare tutto
Küssnacht (SZ)
Hohle Gasse

Hohle Gasse

«Attraverso la via cava deve passare». Questo avrebbe detto Tell, appostato per sorprendere il balivo Gessler. Situata nel cuore della Svizzera e parte di una via di commercio tra nord e sud, la «via cava» è un importante luogo di memoria.
Secondo «il libro bianco di Sarnen», nella «via cava» Tell uccise con una freccia Gessler, il balivo asburgico. Nel 1530 a memoria di ciò fu eretta una cappella, nella quale successivamente fu posta una pala d'altare. Nel 1905 Hans Bachmann dipinse sulla facciata la morte di Gessler e nell’interno della cappella la morte di Tell nel torrente di Schächen. Grazie a una raccolta di fondi promossa dagli scolari (1934) fu realizzata una circonvallazione, lasciando la cappella nel luogo originario.

Tra il 2004/05 la fondazione per la tutela della «via cava» ha recuperato questo luogo di forza, simbolo della storia mitologica elvetica, rendendolo agibile anche ai diversamente abili.

Grazia al nuovo padiglione d’informazione la storia di Guglielmo Tell nella «via cava» diventa vivibile, visibile, percepibile e udibile. Le informazioni sono disponibili in cinque lingue.
«Attraverso la via cava deve passare». Questo avrebbe detto Tell, appostato per sorprendere il balivo Gessler. Situata nel cuore della Svizzera e parte di una via di commercio tra nord e sud, la «via cava» è un importante luogo di memoria.
Secondo «il libro bianco di Sarnen», nella «via cava» Tell uccise con una freccia Gessler, il balivo asburgico. Nel 1530 a memoria di ciò fu eretta una cappella, nella quale successivamente fu posta una pala d'altare. Nel 1905 Hans Bachmann dipinse sulla facciata la morte di Gessler e nell’interno della cappella la morte di Tell nel torrente di Schächen. Grazie a una raccolta di fondi promossa dagli scolari (1934) fu realizzata una circonvallazione, lasciando la cappella nel luogo originario.

Tra il 2004/05 la fondazione per la tutela della «via cava» ha recuperato questo luogo di forza, simbolo della storia mitologica elvetica, rendendolo agibile anche ai diversamente abili.

Grazia al nuovo padiglione d’informazione la storia di Guglielmo Tell nella «via cava» diventa vivibile, visibile, percepibile e udibile. Le informazioni sono disponibili in cinque lingue.

Hohle Gasse

Adresse

Schwyz Tourismus
Zeughaustrasse 10
6430 Schwyz
Tel. +41 (0)41 855 59 50
info@schwyz-tourismus.ch
www.schwyz-tourismus.ch

Escursioni a piedi nei dintorni

Schwyzer Höhenweg
Schwyzer Höhenweg
Tappa 1, Küssnacht a.R.–Rigi
Visualizzare tutto
Waldstätterweg
Waldstätterweg
Tappa 2, Vitznau–Küssnacht
Visualizzare tutto
Waldstätterweg
Waldstätterweg
Tappa 3, Küssnacht–Luzern
Visualizzare tutto

Ciclismo nei dintorni

Luzerner Hinterland–Rigi
Luzerner Hinterland–Rigi
Tappa 3, Luzern–Brunnen
Visualizzare tutto
Rigi–Reuss–Klettgau
Rigi–Reuss–Klettgau
Tappa 1, Brunnen–Rotkreuz
Visualizzare tutto