La Svizzera in bici

Galleria fotografica

Escursioni a piedi nei dintorni

Chemin Sanetsch-Muveran
Chemin Sanetsch-Muveran
Tappa 1, Gsteig–Col du Sanetsch
Visualizzare tutto
AlpnessTrail
AlpnessTrail
Percorso 308, Lauenen–Gsteig
Visualizzare tutto

Ciclismo nei dintorni

Alpes vaudoises–Pays de Fribourg
Alpes vaudoises–Pays de Fribourg
Tappa 2, Les Diablerets–Jaun
Visualizzare tutto
Gsteig
Valico di Sanetsch

Valico di Sanetsch

In quanto collegamento medievale fra il Saanenland e la Valle del Rodano, la strada che attraversa il passo Sanetschpass riveste un'importanza regionale. Il tracciato originario, in stile tipico, è rimasto perlopiù inalterato.
Il nome Col du Sénin per il Sanetschpass deriva dal nome «Sanona» che, nei documenti dell'XI secolo, indicava la Sarine. Il Sanetsch viene citato insieme al Gemmi nell'alleanza fra Berna con il vescovo di Sitten, Heinrich von Raron, del 17 luglio 1252. L'alleanza disponeva che le controversie fra le parti avrebbero dovuto essere risolte sul culmine di questi due passi, all'epoca regolarmente transitati.

Nel XIV e XV secolo, il Sanetschpass fu più volte attraversato da truppe. In seguito fu citato dai cartografi Sebastian Münster (1544) e Johannes Stumpf (1548) come nota via di attraversamento. Un'ulteriore citazione si trova in una guida di viaggio dell'anno 1829, il «Taschenbuch für Reisende im Berner Oberlande» (Taccuino di viaggio nell'Oberland bernese).

Negli anni dal 1960 al 1968, le centrali elettriche bernesi eressero a Sanetsch un lago artificiale, il Sanetschsee. Per l'edificazione della diga fu costruita una strada di cantiere che conduceva a Saviése. Il tratto di proseguimento fino a Gsteig rimase una mulattiera.
In quanto collegamento medievale fra il Saanenland e la Valle del Rodano, la strada che attraversa il passo Sanetschpass riveste un'importanza regionale. Il tracciato originario, in stile tipico, è rimasto perlopiù inalterato.
Il nome Col du Sénin per il Sanetschpass deriva dal nome «Sanona» che, nei documenti dell'XI secolo, indicava la Sarine. Il Sanetsch viene citato insieme al Gemmi nell'alleanza fra Berna con il vescovo di Sitten, Heinrich von Raron, del 17 luglio 1252. L'alleanza disponeva che le controversie fra le parti avrebbero dovuto essere risolte sul culmine di questi due passi, all'epoca regolarmente transitati.

Nel XIV e XV secolo, il Sanetschpass fu più volte attraversato da truppe. In seguito fu citato dai cartografi Sebastian Münster (1544) e Johannes Stumpf (1548) come nota via di attraversamento. Un'ulteriore citazione si trova in una guida di viaggio dell'anno 1829, il «Taschenbuch für Reisende im Berner Oberlande» (Taccuino di viaggio nell'Oberland bernese).

Negli anni dal 1960 al 1968, le centrali elettriche bernesi eressero a Sanetsch un lago artificiale, il Sanetschsee. Per l'edificazione della diga fu costruita una strada di cantiere che conduceva a Saviése. Il tratto di proseguimento fino a Gsteig rimase una mulattiera.

Valico di Sanetsch

Adresse

Bundesinventar der historischen Verkehrswege der Schweiz (IVS)
www.ivs.admin.ch

Servizi

Alloggio

Hotel Restaurant Bären
Hotel Restaurant Bären
Gsteig
Visualizzare tutto

Escursioni a piedi nei dintorni

Chemin Sanetsch-Muveran
Chemin Sanetsch-Muveran
Tappa 1, Gsteig–Col du Sanetsch
Visualizzare tutto
AlpnessTrail
AlpnessTrail
Percorso 308, Lauenen–Gsteig
Visualizzare tutto

Ciclismo nei dintorni

Alpes vaudoises–Pays de Fribourg
Alpes vaudoises–Pays de Fribourg
Tappa 2, Les Diablerets–Jaun
Visualizzare tutto