La Svizzera in bici

Galleria fotografica

Ciclismo nei dintorni

Percorso dei Grigioni
Percorso dei Grigioni
Tappa 7, S. Bernardino–Bellinzona
Visualizzare tutto
Mesocco
Castello di Mesocco

Castello di Mesocco

Una delle rovine più importanti dei Grigioni e la più grande della Svizzera. Le origini della roccaforte risalgono al primo Medioevo.
Sin dall'inizio del XIII secolo, il castello fu il fulcro feudale della Val Mesolcina. La fortezza era di proprietà dei baroni von Sax-Misox dai primi del XII secolo. Attorno al 1480 la roccaforte fu venduta al mercenario milanese Gian Giacomo Trivulzio, sotto il quale ebbero inizio i lavori di ampliamento che portarono all'impianto tardomedioevale della fortezza. Questo passaggio di consegne provocò ben presto disordini nell'intera valle, e dopo lunghe pressioni i sudditi della Mesolcina si liberarono infine dal potere milanese e si annessero, nel 1551, alla Lega Grigia.

Negli anni 90 sono stati effettuati importanti lavori di restauro. La roccaforte sembrava meno grande un tempo poiché comprendeva costruzioni andate distrutte quali abitazioni, fabbri, stalle, un granaio, un caseificio, la cisterna e probabilmente anche una zecca.

Le rovine si possono visitare tutto l'anno. La rocca può essere visitata gratuitamente tutti i giorni dell'anno.
Una delle rovine più importanti dei Grigioni e la più grande della Svizzera. Le origini della roccaforte risalgono al primo Medioevo.
Sin dall'inizio del XIII secolo, il castello fu il fulcro feudale della Val Mesolcina. La fortezza era di proprietà dei baroni von Sax-Misox dai primi del XII secolo. Attorno al 1480 la roccaforte fu venduta al mercenario milanese Gian Giacomo Trivulzio, sotto il quale ebbero inizio i lavori di ampliamento che portarono all'impianto tardomedioevale della fortezza. Questo passaggio di consegne provocò ben presto disordini nell'intera valle, e dopo lunghe pressioni i sudditi della Mesolcina si liberarono infine dal potere milanese e si annessero, nel 1551, alla Lega Grigia.

Negli anni 90 sono stati effettuati importanti lavori di restauro. La roccaforte sembrava meno grande un tempo poiché comprendeva costruzioni andate distrutte quali abitazioni, fabbri, stalle, un granaio, un caseificio, la cisterna e probabilmente anche una zecca.

Le rovine si possono visitare tutto l'anno. La rocca può essere visitata gratuitamente tutti i giorni dell'anno.

Castello di Mesocco

Adresse

Ente Turistico Regionale del Moesano
La Dogàna
6565 San Bernardino
Tel. +41 (0)91 832 12 14
info@visit-moesano.ch
moesano.graubuenden.ch

Servizi

Località

Passo del S. Bernardino
Passo del S. Bernardino
Visualizzare tutto

Alloggio

Hotel Bellevue
Hotel Bellevue
S. Bernardino
Visualizzare tutto

Ciclismo nei dintorni

Percorso dei Grigioni
Percorso dei Grigioni
Tappa 7, S. Bernardino–Bellinzona
Visualizzare tutto