1 Percorso del Rodano
1 Percorso del Rodano

La Svizzera in bici

etappe-0920

Percorso del Rodano

Tappa 8, Genève–Genève (Chancy)

Servizio sul sentiero
49 foto

VL_001_08_P1020848_R_F_M.jpg
etappe-0920

Percorso del Rodano

Dal cosmopolita sobborgo ovest di Ginevra al paesaggio fluviale del Rodano, sorprendentemente variegato, dai vigneti e dai campi della campagna ginevrina a Chancy, località di confine, a 700 km di distanza dalla foce del Rodano nel Mediterraneo.
Il Rodano si attraversa per la prima volta non lontano dalla stazione di Ginevra. A St-Gervais, al «Quai des Moulins», nel 1888 fu costruita una bella strada lungo il fiume, oggi frequentata da amanti delle passeggiate, del jogging e da ciclisti. E naturalmente non ci sono più mulini in attività. Da qui si può vedere il simbolo di Ginevra, il getto d’acqua «Jet d’eau» situato nel bel mezzo del bacino del lago. Il getto spruzza acqua fino a 140 metri verso il cielo. Nei dintorni di Ginevra, a Petit-Lancy, a Onex e a Confignon, l’animazione regna. Da Bernex la campagna è di ritorno. Gli orti urbani! Anche se la città con tutto il suo fascino è interessante, qui l’ambiente è decisamente più riposante.

Tra i comuni Aire-la-Ville e Russin si situa la diga «Barrage de Verbois». La parete della centrale idroelettrica, alta 34 metri, consente una splendida vista sull’imponente impianto solare e sulla vicina riserva naturale. Qui si trova pure il passaggio per pesci, con 107 bacini comunicanti, più grande della Svizzera. In seguito si può giungere ad Avully in due modi: se il terreno è bagnato, il percorso tortuoso via Russin è il più indicato. Tuttavia, la strada che passa per la riserva naturale «Teppes de Verbois» è magnifica e si snoda tra sentieri naturali lungo il fiume. Inoltre, dalle varie postazioni di osservazione si possono scoprire numerose specie di uccelli e di altri animali.

A La Plaine si attraversa il Rodano per l’ultima volta. Il ponte è ampio e il fiume si snoda dolcemente lungo il confine franco-svizzero. Gli stretti passaggi che attraversano i villaggi di Avully e Chancy hanno un tocco francese. Passato Chancy si getta uno sguardo di nuovo sulla bella regione di «La Champagne», prima che la strada continui nella foresta e si diriga verso il confine francese. Da qui, il percorso nazionale n° 1 del Rodano viene definitivamente sostituito dalla ViaRhôna. Seguirla fino al Mediterraneo comporterebbe di percorrere ancora 700 chilometri per godere di tanta storia culturale, di villaggi in alta quota, di campi di lavanda (se in fiore a quel momento), di olivi nodosi e di numerosi vigneti.
Dal cosmopolita sobborgo ovest di Ginevra al paesaggio fluviale del Rodano, sorprendentemente variegato, dai vigneti e dai campi della campagna ginevrina a Chancy, località di confine, a 700 km di distanza dalla foce del Rodano nel Mediterraneo.
Il Rodano si attraversa per la prima volta non lontano dalla stazione di Ginevra. A St-Gervais, al «Quai des Moulins», nel 1888 fu costruita una bella strada lungo il fiume, oggi frequentata da amanti delle passeggiate, del jogging e da ciclisti. E naturalmente non ci sono più mulini in attività. Da qui si può vedere il simbolo di Ginevra, il getto d’acqua «Jet d’eau» situato nel bel mezzo del bacino del lago. Il getto spruzza acqua fino a 140 metri verso il cielo. Nei dintorni di Ginevra, a Petit-Lancy, a Onex e a Confignon, l’animazione regna. Da Bernex la campagna è di ritorno. Gli orti urbani! Anche se la città con tutto il suo fascino è interessante, qui l’ambiente è decisamente più riposante.

Tra i comuni Aire-la-Ville e Russin si situa la diga «Barrage de Verbois». La parete della centrale idroelettrica, alta 34 metri, consente una splendida vista sull’imponente impianto solare e sulla vicina riserva naturale. Qui si trova pure il passaggio per pesci, con 107 bacini comunicanti, più grande della Svizzera. In seguito si può giungere ad Avully in due modi: se il terreno è bagnato, il percorso tortuoso via Russin è il più indicato. Tuttavia, la strada che passa per la riserva naturale «Teppes de Verbois» è magnifica e si snoda tra sentieri naturali lungo il fiume. Inoltre, dalle varie postazioni di osservazione si possono scoprire numerose specie di uccelli e di altri animali.

A La Plaine si attraversa il Rodano per l’ultima volta. Il ponte è ampio e il fiume si snoda dolcemente lungo il confine franco-svizzero. Gli stretti passaggi che attraversano i villaggi di Avully e Chancy hanno un tocco francese. Passato Chancy si getta uno sguardo di nuovo sulla bella regione di «La Champagne», prima che la strada continui nella foresta e si diriga verso il confine francese. Da qui, il percorso nazionale n° 1 del Rodano viene definitivamente sostituito dalla ViaRhôna. Seguirla fino al Mediterraneo comporterebbe di percorrere ancora 700 chilometri per godere di tanta storia culturale, di villaggi in alta quota, di campi di lavanda (se in fiore a quel momento), di olivi nodosi e di numerosi vigneti.
27 km
Asfalto: 23 km
Pavimentazione naturale: 4 km
340 m | 300 m
facile

Andata | ritorno

Segnaletica

Segnaletica
Da Chancy, in conformità alle norme francesi, il percorso è segnalato con un adesivo recante la scritta «Du Léman à la mer».

Andata | ritorno

Servizi

Alloggio

Geneva Hostel
Geneva Hostel
Genève
City Hostel Geneva
City Hostel Geneva
Genève
Hôtel Montana
Hôtel Montana
Genève
Visualizzare tutto

Curiosità

Il Palazzo delle Nazioni
Il Palazzo delle Nazioni
L'orologio fiorito
L'orologio fiorito
Musée et Institut Voltaire
Musée et Institut Voltaire
Il Museo internazionale della Riforma
Il Museo internazionale della Riforma
Museo internazionale della Croce Rossa
Museo internazionale della Croce Rossa
Il Jet d'eau
Il Jet d'eau
Il palazzo Tavel (la Maison Tavel)
Il palazzo Tavel (la Maison Tavel)
La piazza del Bourg-de-Four
La piazza del Bourg-de-Four
Il muro dei Riformatori
Il muro dei Riformatori
La Cattedrale di San Pietro
La Cattedrale di San Pietro
Il Palazzo del Comune
Il Palazzo del Comune
La vecchia Carouge
La vecchia Carouge
I vigneti di Ginevra
I vigneti di Ginevra
Teppes di Verbois
Teppes di Verbois
Visualizzare tutto