77 Rigi–Reuss–Klettgau
77 Rigi–Reuss–Klettgau

La Svizzera in bici

etappe-0890

Rigi–Reuss–Klettgau

Tappa 4, Bad Zurzach–Schaffhausen

Servizio sul sentiero
130 foto

VL_077_04_080_vor_Erzingen_R_F_M.jpg
etappe-0890

Rigi–Reuss–Klettgau

Seguendo il Reno, confine fra paesaggi e nazioni, inebriati dai vini della regione svizzero-tedesca di Klettgau, si attraversa l’ampia valle fra Wutach, il Reno e Randen, per risvegliarsi infine sotto gli spruzzi delle imponenti cascate del Reno.
Il programma odierno è di visitare la regione del Klettgau di Sciaffusa dove cresce il vitigno Blauburgunder. All’ombra della Foresta Nera, questa zona molto secca e soleggiata è la più grande regione vinicola della Svizzera tedesca. La regione nel Baden meridionale di Waldshut costituisce la parte tedesca del Klettgau. In Svizzera, questa regione agricola è parte dei cantoni di Argovia, Sciaffusa e Zurigo ed è considerata il granaio della Svizzera. A Bad Zurzach, detta Zurzibiet, si lascia la Svizzera lungo il Reno. La prima città che si incontra nel Paese confinante a nord è Rheinheim. I Romani avevano l’abitudine di scatenarsi a Küssaberg-Dangstetten, un precedente campo legionario romano. La soprannominata Guerra delle Alpi (15-14 a.C.) portò alla sconfitta delle tribù locali. Si passa quindi davanti al cartello «Römerstrasse Neckar-Aare» (strada romana Neckar-Aare), un percorso turistico ben conosciuto che fa parte dell’antico collegamento da Comum (Como) attraverso il passo dello Julier fino al Mittlere Neckarland. Chi desidera visitare il Küssaburg deve fare una piccola deviazione dalla pista ciclabile per due, brevi ma duri, chilometri.

Il tragitto continua tranquillo fino a Geisslingen ed Erzingen. Con la vista sui campi di mais e sulle foreste si pedala serenamente attraverso il magnifico Klettgau. Qui e là si può incontrare la cosiddetta roveralla. Si tratta di un'occasione unica, perché delle popolazioni importanti di questo tipo di quercia, sono oramai sparite in molte aree dell’Europa centrale. Attorno a Wilchingen, si ritorna in Svizzera dove i vigneti in pieno sole sono una delizia per gli occhi e si può cominciare a pensare a un bicchierino del locale Blauburgunder giunti a destinazione.

Ma dapprima si arriva al piccolo ma interessante villaggio di Neunkirch con i bei portici a graticcio del suo castello e la suggestiva porta superiore. Il villaggio tempo fa, ha preso il nome per la sua nuova chiesa e non ha nulla a che vedere, come si potrebbe dedurre dal suo nome, con nove chiese. Continuando sul rettilineo che costeggia il tracciato ferroviario si giunge a Beringen. Qui può capitare di essere sorpassati dal «Thurbo», il treno regionale della Svizzera orientale o dal treno delle Deutsche Bahn. Sulla sinistra invece si ammirano la catena del Randen. Questa catena collinare fa parte del cosiddetto paesaggio della cuesta della Germania sud-occidentale che qui si unisce alla catena del Giura. L’elevazione maggiore sul territorio svizzero è Hagen, a 912 metri sul livello del mare. Anche l’acqua delle più potente cascata d’Europa a un certo punto giunge al mare. Le cascate del Reno non sono da perdere. Esse sono particolarmente suggestive durante l’estate, quando la neve delle Alpi si scioglie e le città di Neuhausen e Sciaffusa, con la sua imponente fortezza, la Munot, si affollano di turisti.
Seguendo il Reno, confine fra paesaggi e nazioni, inebriati dai vini della regione svizzero-tedesca di Klettgau, si attraversa l’ampia valle fra Wutach, il Reno e Randen, per risvegliarsi infine sotto gli spruzzi delle imponenti cascate del Reno.
Il programma odierno è di visitare la regione del Klettgau di Sciaffusa dove cresce il vitigno Blauburgunder. All’ombra della Foresta Nera, questa zona molto secca e soleggiata è la più grande regione vinicola della Svizzera tedesca. La regione nel Baden meridionale di Waldshut costituisce la parte tedesca del Klettgau. In Svizzera, questa regione agricola è parte dei cantoni di Argovia, Sciaffusa e Zurigo ed è considerata il granaio della Svizzera. A Bad Zurzach, detta Zurzibiet, si lascia la Svizzera lungo il Reno. La prima città che si incontra nel Paese confinante a nord è Rheinheim. I Romani avevano l’abitudine di scatenarsi a Küssaberg-Dangstetten, un precedente campo legionario romano. La soprannominata Guerra delle Alpi (15-14 a.C.) portò alla sconfitta delle tribù locali. Si passa quindi davanti al cartello «Römerstrasse Neckar-Aare» (strada romana Neckar-Aare), un percorso turistico ben conosciuto che fa parte dell’antico collegamento da Comum (Como) attraverso il passo dello Julier fino al Mittlere Neckarland. Chi desidera visitare il Küssaburg deve fare una piccola deviazione dalla pista ciclabile per due, brevi ma duri, chilometri.

Il tragitto continua tranquillo fino a Geisslingen ed Erzingen. Con la vista sui campi di mais e sulle foreste si pedala serenamente attraverso il magnifico Klettgau. Qui e là si può incontrare la cosiddetta roveralla. Si tratta di un'occasione unica, perché delle popolazioni importanti di questo tipo di quercia, sono oramai sparite in molte aree dell’Europa centrale. Attorno a Wilchingen, si ritorna in Svizzera dove i vigneti in pieno sole sono una delizia per gli occhi e si può cominciare a pensare a un bicchierino del locale Blauburgunder giunti a destinazione.

Ma dapprima si arriva al piccolo ma interessante villaggio di Neunkirch con i bei portici a graticcio del suo castello e la suggestiva porta superiore. Il villaggio tempo fa, ha preso il nome per la sua nuova chiesa e non ha nulla a che vedere, come si potrebbe dedurre dal suo nome, con nove chiese. Continuando sul rettilineo che costeggia il tracciato ferroviario si giunge a Beringen. Qui può capitare di essere sorpassati dal «Thurbo», il treno regionale della Svizzera orientale o dal treno delle Deutsche Bahn. Sulla sinistra invece si ammirano la catena del Randen. Questa catena collinare fa parte del cosiddetto paesaggio della cuesta della Germania sud-occidentale che qui si unisce alla catena del Giura. L’elevazione maggiore sul territorio svizzero è Hagen, a 912 metri sul livello del mare. Anche l’acqua delle più potente cascata d’Europa a un certo punto giunge al mare. Le cascate del Reno non sono da perdere. Esse sono particolarmente suggestive durante l’estate, quando la neve delle Alpi si scioglie e le città di Neuhausen e Sciaffusa, con la sua imponente fortezza, la Munot, si affollano di turisti.
39 km
Asfalto: 39 km
Pavimentazione naturale: 0 km
380 m | 340 m
facile

Andata | ritorno

Avvertimenti

Avvertimento
Attenzione: il tratto Rheinheim–Erzingen si trova in Germania, portare con sé i documenti d’identità.

Di più …

Zona trafficata
Attenzione: strade principali trafficate nel tratto Erzingen–Trasadingen, a Neunkirch e a Neuhausen.

Andata | ritorno

Servizi

Alloggio

Gasthof zur Waag
Gasthof zur Waag
Bad Zurzach
Hotel zur Post
Hotel zur Post
Bad Zurzach
Parkhotel Bad Zurzach
Parkhotel Bad Zurzach
Bad Zurzach
WeinFassHotel Rüedi
WeinFassHotel Rüedi
Trasadingen
Hotel Garni Matte Eggli
Hotel Garni Matte Eggli
Hallau
Berghof Hallau
Berghof Hallau
Hallau
happy people B+B
happy people B+B
Uhwiesen
Jugendherberge Schaffhausen
Jugendherberge Schaffhausen
Schaffhausen
Vienna House zur Bleiche Schaffhausen
Vienna House zur Bleiche Schaffhausen
Schaffhausen
Crossbox Schaffhausen
Crossbox Schaffhausen
Schaffhausen
Gasthaus Löwen
Gasthaus Löwen
Schaffhausen
Visualizzare tutto

Località

Bad Zurzach
Bad Zurzach
Hallau
Hallau
Sciaffusa
Sciaffusa
Visualizzare tutto

Curiosità

Museo del vino Aargau
Museo del vino Aargau
Cattedrale di Verena
Cattedrale di Verena
Parco naturale regionale di Sciaffusa
Parco naturale regionale di Sciaffusa
Klettgauer Rebenlandschaft
Klettgauer Rebenlandschaft
Ruine Radegg
Ruine Radegg
Ponte Rheinau: da Klettgau a Turgovia
Ponte Rheinau: da Klettgau a Turgovia
El Cascate del Reno
El Cascate del Reno
La città vecchia di Schaffhausen
La città vecchia di Schaffhausen
Museo di Tutti i Santi
Museo di Tutti i Santi
Fortezza del Munot
Fortezza del Munot
Visualizzare tutto

Nuotate

Bagni termali Zurzach
Bagni termali Zurzach
Piscina naturale Beringen
Piscina naturale Beringen
KSS Freizeitpark Schaffhausen
KSS Freizeitpark Schaffhausen
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le biciclette sugli indicatori di direzione rossi. Durante il vostro tour, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica