false

La Svizzera a piedi

Galleria fotografica

Camminare a

Bignasco
Sentiero Cristallina
Sentiero Cristallina
Tappa 1, Bignasco–S. Carlo (Val Bavona)
Visualizzare tutto

In bici a

Bignasco
Percorso Valle Maggia
Percorso Valle Maggia
Tappa 2, Locarno–Cavergno
Visualizzare tutto
Cevio
Bignasco

Bignasco

Nel punto in cui la Valle Maggia si divide nelle valli Bavona e Lavizzara si trova Bignasco. Il paradiso naturale di queste isolate valli ticinesi è l’eccezionale area escursionistica con possibilità di rinfrescarsi per strada nelle gelide e cristalline acque dei torrenti montani.
A Bignasco, a 443 m s.l.m., dove si incontrano il Maggia e il Bavona, si sono preservate alcune costruzioni dei primi secoli come ad es. il vecchio ponte in pietra, la chiesa del paese con origini nel XV secolo, e le cappelle di San Rocco (del 1597) e di Santa Maria del Ponte (1512, con affreschi). Vale la pena visitare anche i due vecchi granai poggiati su pilastri.

Fino al 1965 la ferrovia della valle di Maggia faceva ancora partire gli autopostali da Locarno. Oggi gli autopostali portano i visitatori della valle fino a Bignasco. Qui i passeggeri devono cambiare e vengono smistati in Val Bavona (San Carlo, funivia per Robiei, escursione Cristallina) o in Val Lavizzara (Fusio).

Il famoso architetto ticinese Mario Botta ha progettato la chiesa di Mogno (Val Lavizzara). La chiesa è caratteristica per l’alternanza tra marmo bianco e granito della Vallemaggia ed esercita oggi un potere-calamita sui visitatori. Anche altrove, questa regione abbonda di tesori nascosti nelle chiese: ne sono esempio le cappelle e gli affreschi a Boschetto vicino Cevio, la principale località della valle, o la chiesa parrocchiale di San Maurizio, più dentro in Valle Maggia, che è anche la chiesa più antica della valle.

Una spettacolare attrazione della natura è la cascata nei pressi di Foroglio, a metà della Val Bavona. L’acqua precipita da rocce alte 80 m fino in valle. La Val Calnègia che diparte ad ovest vicino a Foroglio è una piccola valle, quasi sconosciuta, molto selvaggia, che si snoda di fianco alla Val Bavona.

In estate i torrenti con le loro acque cangianti dal verde-turchese al blu notte ma sempre limpide offrono la possibilità di fare bagni in vere e proprie «piscine naturali » ricavate nelle rocce erose dall’acqua. Vicino a Brontallo, ci si può imbattere, di tanto in tanto, in coraggiosi saltatori che si gettano da 30 metri nell’acqua gelida. Qui si sono svolti anche i campionati mondiali di «Cliff Diving».

La Valle Maggia e le valli laterali sono attraversate da 700 km di sentieri escursionistici. Il «Sentiero della transumanza» si snoda dal fondovalle, nei pressi di Bignasco-Cavergno, attraverso boschi di castagni, faggi e ontani, fino ad arrivare a Foroglio. E’ amato anche il sentiero panoramico da Bignasco a Someo.

Highlights

  • Edifici storici – come in altri paesi della regione, anche a Bignasco si sono preservati vecchi edifici, stalle e un bel ponte di pietra.
  • Chiesa di Mogno – il famoso architetto Mario Botta ha progettato la costruzione a prova di slavine della chiesa di Mogno in Val Lavizzara.
  • Cascata di Foroglio – sulla strada che attraversa la Val Bavona ci si imbatte in questa cascata alta 80 m.
Nel punto in cui la Valle Maggia si divide nelle valli Bavona e Lavizzara si trova Bignasco. Il paradiso naturale di queste isolate valli ticinesi è l’eccezionale area escursionistica con possibilità di rinfrescarsi per strada nelle gelide e cristalline acque dei torrenti montani.
A Bignasco, a 443 m s.l.m., dove si incontrano il Maggia e il Bavona, si sono preservate alcune costruzioni dei primi secoli come ad es. il vecchio ponte in pietra, la chiesa del paese con origini nel XV secolo, e le cappelle di San Rocco (del 1597) e di Santa Maria del Ponte (1512, con affreschi). Vale la pena visitare anche i due vecchi granai poggiati su pilastri.

Fino al 1965 la ferrovia della valle di Maggia faceva ancora partire gli autopostali da Locarno. Oggi gli autopostali portano i visitatori della valle fino a Bignasco. Qui i passeggeri devono cambiare e vengono smistati in Val Bavona (San Carlo, funivia per Robiei, escursione Cristallina) o in Val Lavizzara (Fusio).

Il famoso architetto ticinese Mario Botta ha progettato la chiesa di Mogno (Val Lavizzara). La chiesa è caratteristica per l’alternanza tra marmo bianco e granito della Vallemaggia ed esercita oggi un potere-calamita sui visitatori. Anche altrove, questa regione abbonda di tesori nascosti nelle chiese: ne sono esempio le cappelle e gli affreschi a Boschetto vicino Cevio, la principale località della valle, o la chiesa parrocchiale di San Maurizio, più dentro in Valle Maggia, che è anche la chiesa più antica della valle.

Una spettacolare attrazione della natura è la cascata nei pressi di Foroglio, a metà della Val Bavona. L’acqua precipita da rocce alte 80 m fino in valle. La Val Calnègia che diparte ad ovest vicino a Foroglio è una piccola valle, quasi sconosciuta, molto selvaggia, che si snoda di fianco alla Val Bavona.

In estate i torrenti con le loro acque cangianti dal verde-turchese al blu notte ma sempre limpide offrono la possibilità di fare bagni in vere e proprie «piscine naturali » ricavate nelle rocce erose dall’acqua. Vicino a Brontallo, ci si può imbattere, di tanto in tanto, in coraggiosi saltatori che si gettano da 30 metri nell’acqua gelida. Qui si sono svolti anche i campionati mondiali di «Cliff Diving».

La Valle Maggia e le valli laterali sono attraversate da 700 km di sentieri escursionistici. Il «Sentiero della transumanza» si snoda dal fondovalle, nei pressi di Bignasco-Cavergno, attraverso boschi di castagni, faggi e ontani, fino ad arrivare a Foroglio. E’ amato anche il sentiero panoramico da Bignasco a Someo.

Highlights

  • Edifici storici – come in altri paesi della regione, anche a Bignasco si sono preservati vecchi edifici, stalle e un bel ponte di pietra.
  • Chiesa di Mogno – il famoso architetto Mario Botta ha progettato la costruzione a prova di slavine della chiesa di Mogno in Val Lavizzara.
  • Cascata di Foroglio – sulla strada che attraversa la Val Bavona ci si imbatte in questa cascata alta 80 m.

Andata e ritorno Bignasco

Adresse

Ascona-Locarno Turismo
Infodesk Maggia
Centro Commerciale
6673 Maggia
Tel. +41 (0)848 091 091
vallemaggia@ascona-locarno.com
www.ascona-locarno.com

Servizi

Alloggio

Capanna Basodino (Robiei) CAS
Capanna Basodino (Robiei) CAS
Cevio
Capanna Fiorasca
Capanna Fiorasca
Cevio
Capanna Pian di Crest
Capanna Pian di Crest
Cevio
La Stalla
La Stalla
Cevio
Visualizzare tutto

Curiosità

Cascata di Foroglio
Cascata di Foroglio
La Ciossa 'd Tea
La Ciossa 'd Tea
Museo della Vallemaggia
Museo della Vallemaggia
Pumptrack Cevio
Pumptrack Cevio
Visualizzare tutto

Camminare a

Bignasco
Sentiero Cristallina
Sentiero Cristallina
Tappa 1, Bignasco–S. Carlo (Val Bavona)
Visualizzare tutto

In bici a

Bignasco
Percorso Valle Maggia
Percorso Valle Maggia
Tappa 2, Locarno–Cavergno
Visualizzare tutto