675 Hexenplatte-Weg
675 Hexenplatte-Weg

La Svizzera a piedi

Hexenplatte-Weg

Hexenplatte-Weg

Sedrun–Sedrun

Servizio sul sentiero
4 foto

WL_675_Sicht_auf_Piz_Medel_von_der_Alp_Caschle_M.jpg
Hexenplatte-Weg

Hexenplatte-Weg

La Hexenplatte (pietra delle streghe), una roccia piatta in mezzo a un prato, sorge sull'Alpe Caschlé. Narra la leggenda che sia stata trasportata con una ragnatela dall'antistante vallata di Caschlé e che le streghe ci danzassero sopra.
A ovest della stazione ferroviaria di Sedrun, a Camischolas-sura, ci si lascia ben presto le ultime case alle spalle. Attraversando campi di fieno, si cammina in salita per poi entrare nella valle L’Ondadusa. Dopo Mises Grond, segue un’ombrosa riserva forestale protetta. Lungo un percorso a zig zag, si sale rapidamente in quota fino al limitare del bosco presso Pegn dil Capi. Una panchina invita a una piacevole pausa per riprendere fiato e godersi la vista sulla Val Tujetsch e il ghiacciaio di Medelser.

Ancora oltre, a seconda della stagione, si attraversano distese di rododendri, erica e arbusti di mirtilli neri e rossi. Può poi capitare che d’improvviso un camoscio vi attraversi la strada. Una volta raggiunta la malga Caschlé, nel bel mezzo di un pascolo s’intravede una pietra piatta: si tratta della leggendaria Hexenplatte (pietra delle streghe) o in romancio Platta dil Barlot. Secondo la leggenda, essa sarebbe stata trasportata con una ragnatela fino a Caschlé dall’antistante alpe Culmatsch attraverso la Val Milar, e si ritiene che le streghe vi danzassero sopra. Nessun visitatore può pertanto resistere alla tentazione di cimentarsi in un balletto a sua volta - un ottimo modo per fare due risate e sgranchirsi le gambe prima di proseguire il cammino.

La via del ritorno segue inizialmente lo stesso itinerario fino allo Stavel Caschlè. Qui un'imponente barriera in legno è stata costruita per bloccare la neve portata dal vento e impedire che si formino cumuli di neve lungo la cresta sopra L'Ondadusa. Si presenta come una vera opera d'arte. All'Uaul Flurin il sentiero svolta poi verso est per condurre nuovamente al punto di partenza, a Sedrun.
La Hexenplatte (pietra delle streghe), una roccia piatta in mezzo a un prato, sorge sull'Alpe Caschlé. Narra la leggenda che sia stata trasportata con una ragnatela dall'antistante vallata di Caschlé e che le streghe ci danzassero sopra.
A ovest della stazione ferroviaria di Sedrun, a Camischolas-sura, ci si lascia ben presto le ultime case alle spalle. Attraversando campi di fieno, si cammina in salita per poi entrare nella valle L’Ondadusa. Dopo Mises Grond, segue un’ombrosa riserva forestale protetta. Lungo un percorso a zig zag, si sale rapidamente in quota fino al limitare del bosco presso Pegn dil Capi. Una panchina invita a una piacevole pausa per riprendere fiato e godersi la vista sulla Val Tujetsch e il ghiacciaio di Medelser.

Ancora oltre, a seconda della stagione, si attraversano distese di rododendri, erica e arbusti di mirtilli neri e rossi. Può poi capitare che d’improvviso un camoscio vi attraversi la strada. Una volta raggiunta la malga Caschlé, nel bel mezzo di un pascolo s’intravede una pietra piatta: si tratta della leggendaria Hexenplatte (pietra delle streghe) o in romancio Platta dil Barlot. Secondo la leggenda, essa sarebbe stata trasportata con una ragnatela fino a Caschlé dall’antistante alpe Culmatsch attraverso la Val Milar, e si ritiene che le streghe vi danzassero sopra. Nessun visitatore può pertanto resistere alla tentazione di cimentarsi in un balletto a sua volta - un ottimo modo per fare due risate e sgranchirsi le gambe prima di proseguire il cammino.

La via del ritorno segue inizialmente lo stesso itinerario fino allo Stavel Caschlè. Qui un'imponente barriera in legno è stata costruita per bloccare la neve portata dal vento e impedire che si formino cumuli di neve lungo la cresta sopra L'Ondadusa. Si presenta come una vera opera d'arte. All'Uaul Flurin il sentiero svolta poi verso est per condurre nuovamente al punto di partenza, a Sedrun.
12 km | 1 Tappa
860 m | 860 m
4 h 25 min
medio (sentiero di montagna) | medio

Andata | ritorno

Di più …

Stagione
Attenzione: sui tratti in altitudine è possibile incontrare anche nei mesi estivi dei nevai.

Andata | ritorno

Contatto

Sedrun Disentis Tourismus
Via Alpsu 64a
7188 Sedrun
Tel. +41 (0)81 920 40 30
info@disentis-sedrun.ch
www.disentis-sedrun.ch

Servizi

Alloggio

Café Dulezi / La Roda / Bäckerei
Café Dulezi / La Roda / Bäckerei
Sedrun
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica