Sentiero del Monte Generoso
Sentiero del Monte Generoso

La Svizzera a piedi

Sentiero del Monte Generoso

Sentiero del Monte Generoso

Bellavista–Alpe Génor–Monte Generoso–Bellavista

Servizio sul sentiero
55 foto

WL_635_DSC2530_F_M.jpg
Sentiero del Monte Generoso

Sentiero del Monte Generoso

Dagli Appennini alle Alpi: il panorama sul Monte Generoso è fra i più impressionanti in Svizzera. Anche il «Fiore di pietra» dell’architetto Mario Botta è sorprendente. Un’altra particolarità della zona: le nevère, delle costruzioni in sasso di forma cilindrica anticamente utilizzate per mantenere fresco il latte.
Dal 1890, una ferrovia a cremagliera collega Capolago, sulle rive del lago Ceresio, alla vetta del Monte Generoso (1704 m). Attraversa l'incantevole paesaggio montano di un parco naturale. L’itinerario circolare inizia presso la stazione intermedia Bellavista. Sotto la linea ferroviaria, uno stretto sentiero sale fino al bivio in direzione dell'Alpe Nadigh. Seguendo uno splendido sentiero in lieve discesa, che attraversa i prati di un pendio, si raggiunge dapprima l’Alpe Gènor.

Le cosiddette nevère, una sorta di frigorifero in pietra in piena natura, sono una particolarità di questa regione. I contadini vi conservavano il latte per poi produrre burro e formaggio. Questo termine deriva dalla parola «neve», che era usata come refrigerante. Le nevère nella loro caratteristica forma cilindrica sono realizzate in pietra naturale e sono interrate per circa due terzi. In primavera, la parte interrata veniva riempita di neve e ghiaccio pressati. In estate, qui venivano immagazzinati i bidoni del latte. Al suo interno una scala a chiocciola permetteva di scendere fino al livello della neve. Questo originale sistema di raffreddamento è caduto in disuso nella prima metà del secolo XX. Nei pressi dell’Alpe Gènor è possibile ammirare diverse nevère. Lo stesso vale per l'Alpe Nadigh, raggiungibile seguendo uno storico muro di lastre in pietra.

Dopo gli alpeggi inizia la salita: dalla Piana si procede verso la cima del Monte Generoso e il confine italiano è sempre molto vicino. In vetta si ammira un panorama tra i più suggestivi di tutto il Paese: la vista spazia dalla regione dei laghi alle Alpi, dal Gran Paradiso al Monte Rosa, dal Cervino alla Jungfrau, dal massiccio del Gottardo al Bernina e fino alla pianura padana nell'Italia settentrionale. Un po’ più in basso c’è anche l’imponente «Fiore di pietra», che, con la sua forma ottagonale, ricorda proprio un fiore. Questo edificio è stato costruito dal famoso architetto ticinese Mario Botta, a poca distanza dalla ripida parete del Monte Generoso, che scende a strapiombo per quasi 400 metri. La costruzione ospita un ristorante e una sala espositiva dove viene illustrata la storia della ferrovia. Pochi passi più avanti si trova l’Alpe Clericetti, con vista sulla Valle di Muggio. Nella sua terrazza si possono degustare i prodotti regionali e i formaggi prodotti in questa malga. Dalla stazione si può prendere la ferrovia a cremagliera per tornare a Bellavista o scendere a piedi seguendo un ampio sentiero.
Dagli Appennini alle Alpi: il panorama sul Monte Generoso è fra i più impressionanti in Svizzera. Anche il «Fiore di pietra» dell’architetto Mario Botta è sorprendente. Un’altra particolarità della zona: le nevère, delle costruzioni in sasso di forma cilindrica anticamente utilizzate per mantenere fresco il latte.
Dal 1890, una ferrovia a cremagliera collega Capolago, sulle rive del lago Ceresio, alla vetta del Monte Generoso (1704 m). Attraversa l'incantevole paesaggio montano di un parco naturale. L’itinerario circolare inizia presso la stazione intermedia Bellavista. Sotto la linea ferroviaria, uno stretto sentiero sale fino al bivio in direzione dell'Alpe Nadigh. Seguendo uno splendido sentiero in lieve discesa, che attraversa i prati di un pendio, si raggiunge dapprima l’Alpe Gènor.

Le cosiddette nevère, una sorta di frigorifero in pietra in piena natura, sono una particolarità di questa regione. I contadini vi conservavano il latte per poi produrre burro e formaggio. Questo termine deriva dalla parola «neve», che era usata come refrigerante. Le nevère nella loro caratteristica forma cilindrica sono realizzate in pietra naturale e sono interrate per circa due terzi. In primavera, la parte interrata veniva riempita di neve e ghiaccio pressati. In estate, qui venivano immagazzinati i bidoni del latte. Al suo interno una scala a chiocciola permetteva di scendere fino al livello della neve. Questo originale sistema di raffreddamento è caduto in disuso nella prima metà del secolo XX. Nei pressi dell’Alpe Gènor è possibile ammirare diverse nevère. Lo stesso vale per l'Alpe Nadigh, raggiungibile seguendo uno storico muro di lastre in pietra.

Dopo gli alpeggi inizia la salita: dalla Piana si procede verso la cima del Monte Generoso e il confine italiano è sempre molto vicino. In vetta si ammira un panorama tra i più suggestivi di tutto il Paese: la vista spazia dalla regione dei laghi alle Alpi, dal Gran Paradiso al Monte Rosa, dal Cervino alla Jungfrau, dal massiccio del Gottardo al Bernina e fino alla pianura padana nell'Italia settentrionale. Un po’ più in basso c’è anche l’imponente «Fiore di pietra», che, con la sua forma ottagonale, ricorda proprio un fiore. Questo edificio è stato costruito dal famoso architetto ticinese Mario Botta, a poca distanza dalla ripida parete del Monte Generoso, che scende a strapiombo per quasi 400 metri. La costruzione ospita un ristorante e una sala espositiva dove viene illustrata la storia della ferrovia. Pochi passi più avanti si trova l’Alpe Clericetti, con vista sulla Valle di Muggio. Nella sua terrazza si possono degustare i prodotti regionali e i formaggi prodotti in questa malga. Dalla stazione si può prendere la ferrovia a cremagliera per tornare a Bellavista o scendere a piedi seguendo un ampio sentiero.
9 km | 1 Tappa
680 m | 680 m
3 h 30 min
medio (sentiero di montagna) | medio

Andata | ritorno

Avvertimenti

Avvertimento
Attenzione: Questo è un itinerario che attraversa la frontiera, quindi è consigliabile portare un documento d'identità.
Avvertimento
Attenzione: Questo è un itinerario che attraversa la frontiera, quindi è consigliabile portare un documento d'identità.

Andata | ritorno

Contatto

Organizzazione Turistica Regionale Mendrisiotto e Basso Ceresio
Vi Angelo Maspoli 15
6850 Mendrisio
Tel. +41 91 641 30 50
info@mendrisiottoturismo.ch
www.mendrisiottoruismo.ch

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica