Sentiero Caprino-Cantine di Gandria
Sentiero Caprino-Cantine di Gandria

La Svizzera a piedi

Sentiero Caprino-Cantine di Gandria

Sentiero Caprino-Cantine di Gandria

Caprino–Cantine di Gandria

Servizio sul sentiero
11 foto

WL_608_Sentiero_Caprino_CantinediGandria_1_Copyright_Davide_Adamoli_F_M.jpg
Sentiero Caprino-Cantine di Gandria

Sentiero Caprino-Cantine di Gandria

Escursione tra lago e montagna, a stretto contatto con la natura. Il sentiero si snoda attraverso un bosco su terreno collinare ai piedi del Monte Caprino e lungo le rive del Ceresio. Strada facendo s’incontrano i tipici grotti con specialità ticinesi e il celebre museo doganale a Cantine di Gandria.
Attention: La signalisation avec le numéro d'itinéraire de SuisseMobile ne sera pas prête avant la saison 2021. C'est une conséquence de la pandémie de Corona.

Si procede tra il ripido fianco della montagna e il lago, mentre le cime si specchiano sulla superficie dell'acqua: con vista sul bacino lacustre di Lugano e sulle montagne, questo apprezzato sentiero escursionistico collega Caprino con Cantine di Gandria. Il viaggio fino al punto di partenza è già di per sé un’avventura: il battello rappresenta il modo più pratico per raggiungere il villaggio ai piedi del Monte Caprino da Lugano.

Si procede dapprima in salita attraverso il bosco fino a raggiungere le cantine di Caprino: anticamente, questi tipici locali venivano utilizzati dagli abitanti del luogo per conservare salumi, formaggi e vino. Il sentiero escursionistico prosegue di nuovo lungo la riva boscosa in un terreno collinare. Sul lato opposto si osservano la baia di Lugano, nonché i villaggi di Castagnola e Gandria, sopra i quali si erge il piccolo paese di Brè. Lungo il percorso si trovano alcuni caratteristici grotti che propongono le tipiche specialità ticinesi: come ad esempio il Grotto dei Pescatori, che si raggiunge da lì a poco. Poco dopo, si lascia la Val Ruina, che si estende verso sud. Un tempo, qui si trovavano degli importanti sentieri dei contrabbandieri.

Il museo doganale svizzero a Cantine di Gandria, nei pressi del confine con i boschi italiani, rivolge la propria attenzione alla lotta contro il contrabbando e illustra i compiti delle dogane, nonché le funzioni della frontiera e delle guardie di confine in passato e ai nostri giorni. L'esposizione permanente mostra le vecchie attrezzature degli uffici doganali e oggetti riguardanti il contrabbando, l'individuazione di stupefacenti e la contraffazione di merci e passaporti. Il giardino ospita delle copie di cippi di confine di varie zone del Paese, mentre i vicini grotti invitano a trascorrere dei piacevoli momenti. Si prosegue in battello fino Gandria, sulla sponda opposta del lago. Prima di ritornare a Lugano (sempre in battello oppure in autobus o a piedi lungo un pratico sentiero in riva al lago), vale la pena fare una sosta in questo villaggio lacustre. Il centro di Gandria - con i suoi vicoli stretti, le scale e le case decorate con stucchi e affreschi - è un gioiello.
Escursione tra lago e montagna, a stretto contatto con la natura. Il sentiero si snoda attraverso un bosco su terreno collinare ai piedi del Monte Caprino e lungo le rive del Ceresio. Strada facendo s’incontrano i tipici grotti con specialità ticinesi e il celebre museo doganale a Cantine di Gandria.
Attention: La signalisation avec le numéro d'itinéraire de SuisseMobile ne sera pas prête avant la saison 2021. C'est une conséquence de la pandémie de Corona.

Si procede tra il ripido fianco della montagna e il lago, mentre le cime si specchiano sulla superficie dell'acqua: con vista sul bacino lacustre di Lugano e sulle montagne, questo apprezzato sentiero escursionistico collega Caprino con Cantine di Gandria. Il viaggio fino al punto di partenza è già di per sé un’avventura: il battello rappresenta il modo più pratico per raggiungere il villaggio ai piedi del Monte Caprino da Lugano.

Si procede dapprima in salita attraverso il bosco fino a raggiungere le cantine di Caprino: anticamente, questi tipici locali venivano utilizzati dagli abitanti del luogo per conservare salumi, formaggi e vino. Il sentiero escursionistico prosegue di nuovo lungo la riva boscosa in un terreno collinare. Sul lato opposto si osservano la baia di Lugano, nonché i villaggi di Castagnola e Gandria, sopra i quali si erge il piccolo paese di Brè. Lungo il percorso si trovano alcuni caratteristici grotti che propongono le tipiche specialità ticinesi: come ad esempio il Grotto dei Pescatori, che si raggiunge da lì a poco. Poco dopo, si lascia la Val Ruina, che si estende verso sud. Un tempo, qui si trovavano degli importanti sentieri dei contrabbandieri.

Il museo doganale svizzero a Cantine di Gandria, nei pressi del confine con i boschi italiani, rivolge la propria attenzione alla lotta contro il contrabbando e illustra i compiti delle dogane, nonché le funzioni della frontiera e delle guardie di confine in passato e ai nostri giorni. L'esposizione permanente mostra le vecchie attrezzature degli uffici doganali e oggetti riguardanti il contrabbando, l'individuazione di stupefacenti e la contraffazione di merci e passaporti. Il giardino ospita delle copie di cippi di confine di varie zone del Paese, mentre i vicini grotti invitano a trascorrere dei piacevoli momenti. Si prosegue in battello fino Gandria, sulla sponda opposta del lago. Prima di ritornare a Lugano (sempre in battello oppure in autobus o a piedi lungo un pratico sentiero in riva al lago), vale la pena fare una sosta in questo villaggio lacustre. Il centro di Gandria - con i suoi vicoli stretti, le scale e le case decorate con stucchi e affreschi - è un gioiello.
5 km | 1 Tappa
240 m | 240 m
1 h 30 min
medio (sentiero di montagna) | facile

Andata | ritorno

Stagione

Stagione
Proposta valevole solo da inizio aprile a fine ottobre.

Di più …

Tipo di terreno
Attenzione: è necessario calzare scarpe buone. Possibilità di frane o scoscendimenti.
Avvertimento
Per caduta pietre e frane si dovrebbe percorrere questo sentiero solo con tempo stabile. In caso di forti piogge il sentiero è da considerarsi chiuso tra San Rocco e Landessa.
Avvertimento
Per gli orari e le fermate del battello consultare la linea Lugano – Museo delle Culture – Museo Doganale – Gandria, Società di Navigazione del Lago di Lugano.

Andata | ritorno

Andata / ritorno Museo doganale svizzero
Orari FFS Visualizzare la fermata e il percorso sulla mappa

Contatto

Ticino Turismo
Via Canonico Ghiringhelli 7
6500 Bellinzona
Tel. +41 (0)91 825 70 56
info@ticino.ch
www.ticino.ch

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica