423 Chemin de Moron
423 Chemin de Moron

La Svizzera a piedi

Chemin de Moron

Chemin de Moron

Perrefitte–Combioz–Moron–Perrefitte

Servizio sul sentiero
76 foto

WL_423_20210529_225_F_M.jpg
Chemin de Moron

Chemin de Moron

Sin dall’inizio una scenografia di eccezione: il sentiero attraverso le Gorges de Perrefitte. Seguendo il fiume La Chalière, entra nel bosco attraverso ponti e scale di legno. Per giungere alla torre di osservazione Moron die Mario Botta bisogna salire 209 scalini. In cima vi aspetta una vista sul Giura bernese e la catena montuosa.
Partendo da Perrefitte l’itinerario segue la Chalière, un ruscello nelle Gorges de Perrefitte. Si attraversano le gole su sentieri naturali, su ponti e passerelle di legno. Quindi si attraversa una foresta rigogliosa, un vero refrigerio. Il sentiero è ben preparato. Si lascia quindi la foresta, attraverso una serie di gradini di legno, presso Plain Fahyn. Lungo il margine del bosco si prosegue fino alle alture del villaggio Les Ecorcheresses. Qui il sentiero si suddivide e sale ripido di nuovo in una gola attraverso boschi e prati in direzione di Moron.

Davanti ai nostri occhi sorge la famosa torre, progettata dal famoso architetto ticinese Mario Botta. Particolarità: alla costruzione hanno partecipato 700 apprendisti. Il progetto è stato utile per promuovere la professione di muratore e quella di scalpellino. Dopo quattro anni di lavori e 65 000 ore lavorative, la torre, alta 30 metri e pesante 1000 tonnellate realizzata in pietra calcarea, cemento e acciaio, ha aperto le sue porte nel 2004. Si raggiunge la piattaforma panoramica salendo 209 scalini. Il panorama a 360° si estende sulla Foresta Nera i Vosgi, il Giura, le Prealpi e le Alpi. Le otto tavole fotografiche riportano i nomi delle vette.

Il ritorno a Perrefitte porta attraverso una dolce campagna collinare e i pascoli alberati tipici della regione dove mucche e cavalli sono al pascolo. Una parte del latte prodotto in questa zona viene utilizzato per la produzione del formaggio Tête de Moine AOP. La località di origine di questo particolare formaggio a pasta semidura, il villaggio di Bellelay, si trova a ovest, non lontano dalla torre. Prima di giungere a Perrefitte la vista abbraccia Moutier e le montagne circostanti del Mont Raimeux e dei monti del Graitery.
Sin dall’inizio una scenografia di eccezione: il sentiero attraverso le Gorges de Perrefitte. Seguendo il fiume La Chalière, entra nel bosco attraverso ponti e scale di legno. Per giungere alla torre di osservazione Moron die Mario Botta bisogna salire 209 scalini. In cima vi aspetta una vista sul Giura bernese e la catena montuosa.
Partendo da Perrefitte l’itinerario segue la Chalière, un ruscello nelle Gorges de Perrefitte. Si attraversano le gole su sentieri naturali, su ponti e passerelle di legno. Quindi si attraversa una foresta rigogliosa, un vero refrigerio. Il sentiero è ben preparato. Si lascia quindi la foresta, attraverso una serie di gradini di legno, presso Plain Fahyn. Lungo il margine del bosco si prosegue fino alle alture del villaggio Les Ecorcheresses. Qui il sentiero si suddivide e sale ripido di nuovo in una gola attraverso boschi e prati in direzione di Moron.

Davanti ai nostri occhi sorge la famosa torre, progettata dal famoso architetto ticinese Mario Botta. Particolarità: alla costruzione hanno partecipato 700 apprendisti. Il progetto è stato utile per promuovere la professione di muratore e quella di scalpellino. Dopo quattro anni di lavori e 65 000 ore lavorative, la torre, alta 30 metri e pesante 1000 tonnellate realizzata in pietra calcarea, cemento e acciaio, ha aperto le sue porte nel 2004. Si raggiunge la piattaforma panoramica salendo 209 scalini. Il panorama a 360° si estende sulla Foresta Nera i Vosgi, il Giura, le Prealpi e le Alpi. Le otto tavole fotografiche riportano i nomi delle vette.

Il ritorno a Perrefitte porta attraverso una dolce campagna collinare e i pascoli alberati tipici della regione dove mucche e cavalli sono al pascolo. Una parte del latte prodotto in questa zona viene utilizzato per la produzione del formaggio Tête de Moine AOP. La località di origine di questo particolare formaggio a pasta semidura, il villaggio di Bellelay, si trova a ovest, non lontano dalla torre. Prima di giungere a Perrefitte la vista abbraccia Moutier e le montagne circostanti del Mont Raimeux e dei monti del Graitery.
16 km | 1 Tappa
880 m | 880 m
5 h 00 min
facile (sentiero escursionistico) | medio

Andata | ritorno

Contatto

Jura bernois Tourisme
Avenue de la Gare 9
2740 Moutier
Tel. +41 (0)32 494 53 43
info@jurabernois.ch
www.jurabernois.ch

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica