313 Höhenrundweg Gryden
313 Höhenrundweg Gryden

La Svizzera a piedi

Höhenrundweg Gryden

Höhenrundweg Gryden

Lenk, Betelberg–Lenk, Betelberg

Galleria fotografica

Höhenrundweg Gryden

Höhenrundweg Gryden

Il Betelberg cela un luogo affascinante con un paesaggio straordinario: il Gryden. Lungo questo sentiero in quota si esplora il bizzarro paesaggio roccioso con dei crateri. Si va dalla montagna locale di Lenk, lungo il lato sud degli Stübleni, fino al rifugio e poi si ritorna.
I primi 850 metri di dislivello fino alla stazione di montagna Leiterli si affrontano con la cabinovia del Betelberg, dove, con tutta calma, inizia il sentiero in quota dal carattere unico attraverso la regione del Gryden. Nel primo tratto si ammira il paesaggio palustre alpino protetto con rocce sedimentarie dei monti Halserberg/Betelberg. Prima che il sentiero di montagna si restringa e inizi la prima salita, vale la pena fare una pausa all'Alp Steinstoss, da dove si transita di nuovo al ritorno.

La seguente lieve salita corre lungo il lato meridionale della formazione calcarea Stübleni, il punto più elevato dell'escursione. Qui, nelle belle giornate, si può ammirare una fantastica vista panoramica: dalla Simmental al Saanenland fino alle bellezze montane di Friburgo. «Stübleni» (piccole stanze) si riferisce ai singoli «crateri» nella zona di Gryden, dove «Gryde» deriva probabilmente da «Chride» (gesso). Ma come è nata questa zona unica in Svizzera, che affascina geologi, biologi ed escursionisti? La pioggia dissolve gradualmente la pietra di gesso quasi bianca e abbastanza morbida. L'acqua scava dei buchi, ma continua a scorrere nel sottosuolo, creando un sistema carsico di gesso con delle cavità. Quando una di queste ultime crolla, le doline create dallo sprofondamento diventano visibili in superficie. Nella zona di Stübleni, queste conche sono particolarmente numerose.

Il sentiero si snoda in discesa superando degli infossamenti verso il punto di svolta di questa escursione circolare. Qui vale la pena fare una capatina al rifugio: si fa una pausa e si ammira il paesaggio lunare con i vari crateri prima di prendere la via del ritorno. Per cimentarsi in questo in questo percorso supplementare si deve avere un passo sicuro e non soffrire di vertigini. Questa volta si passano gli «Stübleni» a nord. Da qui, il sentiero scende costantemente fino a Steinstoss, dopo di che manca solo un chilometro circa per tornare al punto di partenza.
Il Betelberg cela un luogo affascinante con un paesaggio straordinario: il Gryden. Lungo questo sentiero in quota si esplora il bizzarro paesaggio roccioso con dei crateri. Si va dalla montagna locale di Lenk, lungo il lato sud degli Stübleni, fino al rifugio e poi si ritorna.
I primi 850 metri di dislivello fino alla stazione di montagna Leiterli si affrontano con la cabinovia del Betelberg, dove, con tutta calma, inizia il sentiero in quota dal carattere unico attraverso la regione del Gryden. Nel primo tratto si ammira il paesaggio palustre alpino protetto con rocce sedimentarie dei monti Halserberg/Betelberg. Prima che il sentiero di montagna si restringa e inizi la prima salita, vale la pena fare una pausa all'Alp Steinstoss, da dove si transita di nuovo al ritorno.

La seguente lieve salita corre lungo il lato meridionale della formazione calcarea Stübleni, il punto più elevato dell'escursione. Qui, nelle belle giornate, si può ammirare una fantastica vista panoramica: dalla Simmental al Saanenland fino alle bellezze montane di Friburgo. «Stübleni» (piccole stanze) si riferisce ai singoli «crateri» nella zona di Gryden, dove «Gryde» deriva probabilmente da «Chride» (gesso). Ma come è nata questa zona unica in Svizzera, che affascina geologi, biologi ed escursionisti? La pioggia dissolve gradualmente la pietra di gesso quasi bianca e abbastanza morbida. L'acqua scava dei buchi, ma continua a scorrere nel sottosuolo, creando un sistema carsico di gesso con delle cavità. Quando una di queste ultime crolla, le doline create dallo sprofondamento diventano visibili in superficie. Nella zona di Stübleni, queste conche sono particolarmente numerose.

Il sentiero si snoda in discesa superando degli infossamenti verso il punto di svolta di questa escursione circolare. Qui vale la pena fare una capatina al rifugio: si fa una pausa e si ammira il paesaggio lunare con i vari crateri prima di prendere la via del ritorno. Per cimentarsi in questo in questo percorso supplementare si deve avere un passo sicuro e non soffrire di vertigini. Questa volta si passano gli «Stübleni» a nord. Da qui, il sentiero scende costantemente fino a Steinstoss, dopo di che manca solo un chilometro circa per tornare al punto di partenza.
7 km | 1 Tappa
320 m | 320 m
2 h 15 min
medio (sentiero di montagna) | facile

Andata | ritorno

Stagione

Stagione
Attenzione: sui tratti in altitudine è possibile incontrare anche nei mesi estivi dei nevai.

Di più …

Wallbachschlucht
Durata
16.05.2022 - 30.11.2022
Causa
Danni da tempesta
A causa dei danni provocati dalla tempesta, la gola di Wallbach non è accessibile. Viene segnalato un diversivo. Anche la ViaAlpina è percorsa da questa deviazione. Si prega di notare la segnalazione in loco.
Stato
validato
Fonte dei dati: Sentieri Svizzeri e Associazione cantonale per i sentieri escursionistici

Andata | ritorno

Contatto

Lenk-Simmental Tourismus
Rawilstrasse 3
3775 Lenk i.S.
Tel. +41 (0)33 736 35 35
info@lenk-simmental.ch
www.lenk-simmental.ch

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica