219 Chemin des villages et hameaux d’Entremont
219 Chemin des villages et hameaux d’Entremont

La Svizzera a piedi

Chemin des villages et hameaux d'Entremont

Chemin des villages et hameaux d'Entremont

Liddes–Chandonne-La Rosière–Orsières, La Douay

Servizio sul sentiero
6 foto

WL_219_Chemin_des_villages_et_hameaux_dEntremont_2016_mice_montagnealternativecommeire_1__valais_wallis_promotion_pascal_gertschen_M.jpg
Chemin des villages et hameaux d'Entremont

Chemin des villages et hameaux d'Entremont

Splendida escursione sui pendii soleggiati della Val d'Entremont. Il tracciato attraversa villaggi ben conservati, dall'architettura tradizionale e ricchi di fascino storico. Strada facendo si godono bellissime vedute sulla valle e sul massiccio del Monte Bianco.
Dalla Val d'Entremont, una strada conduce via Gran San Bernardo nell'italiana Valle d'Aosta. Il passo è da secoli un'importante via di transito. Ma la valle vallesana vanta anche una serie di villaggi e casali storici molto ben conservati. Questa escursione pedestre collega tra di loro i più belli: Liddes, Chandonne, Commeire, La Rosière, Chamoille d'Orsières e La Douay. Il più antico e noto itinerario della valle è la Via Francigena, una storica via di pellegrinaggio tra Canterbury e Roma. Questa escursione porta invece un po' più in alto, attraversando pascoli soleggiati, boschi e tranquilli villaggi montani, lontano dalle rotte più battute.

Il punto di partenza è Liddes, con la sua chiesa del XIII secolo e il suo piccolo interessante museo. Dopo di che si attraversa Chandonne, una tranquilla frazione che sorge a 1454 m di altitudine su un terrazzo solatio. Tutti i villaggi lungo il percorso spiccano per il loro ricco patrimonio architettonico composto da case tradizionali, chalet e case rurali. Un esempio emblematico è il progetto di turismo sostenibile «Montagne Alternative» a Commeire, un cosiddetto «albergo diffuso». Un fienile su quattro dell'abitato fa parte della struttura alberghiera. Dall'esterno le casette alberghiere non si distinguono dagli altri fienili o case di abitazione. La frazione cela anche un'altra sorpresa, invisibile a prima vista: un forte d'artiglieria sotterraneo. Costruito all'inizio degli anni 1940, poteva ospitare circa 140 soldati a difesa della valle. La struttura può essere visitata ed è addirittura possibile affittare parti della stessa per organizzare eventi.

La località successiva, La Rosière, attira pellegrini dal mondo intero: qui è nato e cresciuto Maurice Tornay (1910-1949) un prete cattolico. È stato missionario in Cina e Tibet e nel 1993 è stato proclamato beato da papa Giovanni Paolo II. La sua casa natia è accessibile al pubblico. Dopo il tranquillo villaggio di Chamoille il percorso termina nel fondovalle, a La Douay.
Splendida escursione sui pendii soleggiati della Val d'Entremont. Il tracciato attraversa villaggi ben conservati, dall'architettura tradizionale e ricchi di fascino storico. Strada facendo si godono bellissime vedute sulla valle e sul massiccio del Monte Bianco.
Dalla Val d'Entremont, una strada conduce via Gran San Bernardo nell'italiana Valle d'Aosta. Il passo è da secoli un'importante via di transito. Ma la valle vallesana vanta anche una serie di villaggi e casali storici molto ben conservati. Questa escursione pedestre collega tra di loro i più belli: Liddes, Chandonne, Commeire, La Rosière, Chamoille d'Orsières e La Douay. Il più antico e noto itinerario della valle è la Via Francigena, una storica via di pellegrinaggio tra Canterbury e Roma. Questa escursione porta invece un po' più in alto, attraversando pascoli soleggiati, boschi e tranquilli villaggi montani, lontano dalle rotte più battute.

Il punto di partenza è Liddes, con la sua chiesa del XIII secolo e il suo piccolo interessante museo. Dopo di che si attraversa Chandonne, una tranquilla frazione che sorge a 1454 m di altitudine su un terrazzo solatio. Tutti i villaggi lungo il percorso spiccano per il loro ricco patrimonio architettonico composto da case tradizionali, chalet e case rurali. Un esempio emblematico è il progetto di turismo sostenibile «Montagne Alternative» a Commeire, un cosiddetto «albergo diffuso». Un fienile su quattro dell'abitato fa parte della struttura alberghiera. Dall'esterno le casette alberghiere non si distinguono dagli altri fienili o case di abitazione. La frazione cela anche un'altra sorpresa, invisibile a prima vista: un forte d'artiglieria sotterraneo. Costruito all'inizio degli anni 1940, poteva ospitare circa 140 soldati a difesa della valle. La struttura può essere visitata ed è addirittura possibile affittare parti della stessa per organizzare eventi.

La località successiva, La Rosière, attira pellegrini dal mondo intero: qui è nato e cresciuto Maurice Tornay (1910-1949) un prete cattolico. È stato missionario in Cina e Tibet e nel 1993 è stato proclamato beato da papa Giovanni Paolo II. La sua casa natia è accessibile al pubblico. Dopo il tranquillo villaggio di Chamoille il percorso termina nel fondovalle, a La Douay.
14 km | 1 Tappa
420 m | 900 m
4 h 00 min
medio (sentiero di montagna) | medio

Andata | ritorno

Contatto

Pays du St-Bernard
Office du tourisme de Liddes et Bourg-St-Pierre
Rte du Gd-St-Bernard 18
1945 Liddes
Tel. +41 (0)27 775 23 82
info@saint-bernard.ch
www.saint-bernard.ch

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica