39 Aletsch Panoramaweg
39 Aletsch Panoramaweg

La Svizzera a piedi

etappe-01528

Aletsch Panoramaweg

Tappa 1, Blatten, Belalp–Riederalp, Riederfurka

Servizio sul sentiero
58 foto

WL_039_01_P1050323_R_F_M.jpg
etappe-01528

Aletsch Panoramaweg

Dall’Aletschbord, vista sulla bocca del ghiacciaio e sulla parte inferiore dell'Aletschgletscher. Su ponti sospesi si giunge all'Aletschwald con cembri centenari. Come un nido d'aquila, la Riederfurka con Villa Cassel domina la zona circostante da un crinale in mezzo alle magnifiche montagne vallesane.
Dalla località di villeggiatura di Belalp, un ampio sentiero conduce via Bruchegg fino all'Aletschbord. Giunti sul posto, il panorama impone una sosta: la vista spazia dal grande ghiacciaio dell'Aletsch, il più grande ghiacciaio delle Alpi, al Cervino e ad altri Tremila e Quattromila vallesani. Imponente è anche l'Hotel Belalp, inaugurato nel 1858, costruito in stile Belle Epoque. Dopo aver ammirato abbastanza, si inizia ad affrontare la lunga discesa: sulle strette curve del canalone denominato «Steigle», passando accanto alla piccola cappella di Oberaletsch, camminando su rocce levigate.

La meta successiva è il ponte sospeso lungo 124 metri sopra la gola della Massa. È sospeso a 80 di altezza sopra il fiume Massa e richiede quindi nervi saldi. Vale comunque la pena fermarsi in mezzo al ponte, dove si sarà premiati da una bella veduta sulla bocca del ghiacciaio dell'Aletsch. Dopo la successiva salita, passando accanto al laghetto Grünsee e a giovani betulle, ci si ritrova nella foresta dell'Aletsch, dominata da cembri e larici. La zona è protetta dal 1933 e si rinuncia a qualsiasi tipo di sfruttamento del patrimonio boschivo.

Dopo circa un'ora e mezza di salita si giunge sulla Riederfurka, dove sorge la sfarzosa Villa Cassel. Costruita attorno al 1900 in stile vittoriano, era allora la residenza privata di vacanza di Sir Ernest Cassel, un ricchissimo banchiere inglese di origine tedesca. La villa era allora frequentata da ospiti illustri, tra cui il futuro primo ministro britannico Winston Churchill. Oggi ospita il Centro Pro Natura Aletsch, un centro di protezione della natura con pensione e, al contempo, la porta d'ingresso al patrimonio mondiale dell'UNESCO Jungfrau-Aletsch.
Dall’Aletschbord, vista sulla bocca del ghiacciaio e sulla parte inferiore dell'Aletschgletscher. Su ponti sospesi si giunge all'Aletschwald con cembri centenari. Come un nido d'aquila, la Riederfurka con Villa Cassel domina la zona circostante da un crinale in mezzo alle magnifiche montagne vallesane.
Dalla località di villeggiatura di Belalp, un ampio sentiero conduce via Bruchegg fino all'Aletschbord. Giunti sul posto, il panorama impone una sosta: la vista spazia dal grande ghiacciaio dell'Aletsch, il più grande ghiacciaio delle Alpi, al Cervino e ad altri Tremila e Quattromila vallesani. Imponente è anche l'Hotel Belalp, inaugurato nel 1858, costruito in stile Belle Epoque. Dopo aver ammirato abbastanza, si inizia ad affrontare la lunga discesa: sulle strette curve del canalone denominato «Steigle», passando accanto alla piccola cappella di Oberaletsch, camminando su rocce levigate.

La meta successiva è il ponte sospeso lungo 124 metri sopra la gola della Massa. È sospeso a 80 di altezza sopra il fiume Massa e richiede quindi nervi saldi. Vale comunque la pena fermarsi in mezzo al ponte, dove si sarà premiati da una bella veduta sulla bocca del ghiacciaio dell'Aletsch. Dopo la successiva salita, passando accanto al laghetto Grünsee e a giovani betulle, ci si ritrova nella foresta dell'Aletsch, dominata da cembri e larici. La zona è protetta dal 1933 e si rinuncia a qualsiasi tipo di sfruttamento del patrimonio boschivo.

Dopo circa un'ora e mezza di salita si giunge sulla Riederfurka, dove sorge la sfarzosa Villa Cassel. Costruita attorno al 1900 in stile vittoriano, era allora la residenza privata di vacanza di Sir Ernest Cassel, un ricchissimo banchiere inglese di origine tedesca. La villa era allora frequentata da ospiti illustri, tra cui il futuro primo ministro britannico Winston Churchill. Oggi ospita il Centro Pro Natura Aletsch, un centro di protezione della natura con pensione e, al contempo, la porta d'ingresso al patrimonio mondiale dell'UNESCO Jungfrau-Aletsch.
10 km
720 m | 760 m
3 h 50 min
medio (sentiero di montagna) | medio

Andata | ritorno

Stagione

Stagione
Attenzione: nei tratti in quota, possibile presenza di neve anche nei mesi estivi

Di più …

Punto esposto
Attenzione: sul ponte sospeso sopra la Massaschlucht (gola della Massa) è necessario non soffrire di vertigini.
Caduta di rocce: Nessel - Teiffe Wald/ Riederalp
Durata
fino a nuovo avviso
Causa
Caduta di rocce
La guida del percorso adattata è segnalata sul terreno.
Stato
validato
Fonte dei dati: Sentieri Svizzeri e Associazione cantonale per i sentieri escursionistici

Andata | ritorno

Contatto

Gestione della segnaletica
La segnaletica è gestita dall'associazione cantonale per i sentieri escursionistici su incarico dei comuni. Aiuta anche tu! Diventa socio nel tuo cantone.
Associati
Valrando
Rue Pré-Fleuri 6
1951 Sion
info@valrando.ch
www.valrando.ch

Servizi

Alloggio

Hamilton Lodge & Spa
Hamilton Lodge & Spa
Blatten bei Naters (Belalp)
Visualizzare tutto

Offerte prenotabili

39 Aletsch Panoramaweg Valais
39 Aletsch Panoramaweg Valais
Visualizzare tutto

Località

Blatten (Belalp)
Blatten (Belalp)
Aletscharena - Riederalp
Aletscharena - Riederalp
Visualizzare tutto

Curiosità

Parco avventura di Blatten
Parco avventura di Blatten
La biancha gola della Massa
La biancha gola della Massa
Villa Cassel, Centro Pro Natura Aletsch
Villa Cassel, Centro Pro Natura Aletsch
Jungfrau-Aletsch-Bietschhorn
Jungfrau-Aletsch-Bietschhorn
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica