2 Trans Swiss Trail
2 Trans Swiss Trail

La Svizzera a piedi

etappe-01387

Trans Swiss Trail

Tappa 28, Biasca–Bellinzona

Servizio sul sentiero
83 foto

WL_002_28_DSC08999_R_F_M.jpg
etappe-01387

Trans Swiss Trail

A Biasca, la valle si apre in una piana ampia e allungata: la Riviera. Splendide le passeggiate sulle rive del Ticino, soprattutto attraverso boschi golenali, spesso anche su un argine del fiume. Alla fine, ecco Bellinzona con i suoi tre castelli.
L'escursione fino a Bellinzona è facile ma lunga. A Biasca, dove inizia la tappa, si uniscono la valle di Blenio dal Lucomagno e la Leventina dal Gottardo. Poco sopra la stazione ferroviaria si trova la cascata di Santa Petronilla, che produce schiuma cadendo attraverso le pareti rocciose. Dopo pochi minuti, attraversando Biasca, si raggiunge il Ticino. Seguendo l'argine del fiume, si nota subito un’opera di artiglieria in cemento armato in perfetto stato. Insieme ad altre fortezze, formava la parte occidentale della linea LONA (LOdrino-OdogNA).

Dopo poco meno di due ore, a Lodrino si attraversa il Ticino e l'escursione prosegue sull'altra sponda del corso d’acqua. Dopo la zona industriale, il sentiero si addentra in un bosco golenale. L'autostrada è vicina, ma il più delle volte non si nota. Dopo poco più di 4,5 ore, si raggiunge la cava di ghiaia di Arbedo. Qui si possono osservare dei grandi autocarri a cassone ribaltabile ed escavatori al lavoro. Poco più avanti, è un'enorme «gru» con sei braccia a catturare l'attenzione: si tratta di un impianto di sollevamento. L'idea è banale e geniale allo stesso tempo: quando la richiesta di elettricità è bassa, i blocchi di calcestruzzo vengono sollevati con l’ausilio di energia rinnovabile; mentre quando la richiesta di elettricità è alta, vengono nuovamente abbassati per generare energia supplementare. Si tratta di una tecnologia ispirata alle centrali idroelettriche con impianto di pompaggio.

Si deve camminare ancora un’ora per raggiungere Bellinzona. Vale la pena fare una breve capatina ai castelli di Castelgrande, Montebello e Sasso Corbaro. Sono tra gli esempi più impressionanti di edifici fortificati medievali dell'intero arco alpino. Con le loro mura merlate, torri e portoni, questi magnifici monumenti furono dichiarati patrimonio mondiale dell'umanità dall'UNESCO nel 2000. Lo scopo delle fortezze era quello di bloccare l'accesso delle popolazioni settentrionali alla valle del Ticino e di controllare i pedaggi e la strada verso il Gottardo.
A Biasca, la valle si apre in una piana ampia e allungata: la Riviera. Splendide le passeggiate sulle rive del Ticino, soprattutto attraverso boschi golenali, spesso anche su un argine del fiume. Alla fine, ecco Bellinzona con i suoi tre castelli.
L'escursione fino a Bellinzona è facile ma lunga. A Biasca, dove inizia la tappa, si uniscono la valle di Blenio dal Lucomagno e la Leventina dal Gottardo. Poco sopra la stazione ferroviaria si trova la cascata di Santa Petronilla, che produce schiuma cadendo attraverso le pareti rocciose. Dopo pochi minuti, attraversando Biasca, si raggiunge il Ticino. Seguendo l'argine del fiume, si nota subito un’opera di artiglieria in cemento armato in perfetto stato. Insieme ad altre fortezze, formava la parte occidentale della linea LONA (LOdrino-OdogNA).

Dopo poco meno di due ore, a Lodrino si attraversa il Ticino e l'escursione prosegue sull'altra sponda del corso d’acqua. Dopo la zona industriale, il sentiero si addentra in un bosco golenale. L'autostrada è vicina, ma il più delle volte non si nota. Dopo poco più di 4,5 ore, si raggiunge la cava di ghiaia di Arbedo. Qui si possono osservare dei grandi autocarri a cassone ribaltabile ed escavatori al lavoro. Poco più avanti, è un'enorme «gru» con sei braccia a catturare l'attenzione: si tratta di un impianto di sollevamento. L'idea è banale e geniale allo stesso tempo: quando la richiesta di elettricità è bassa, i blocchi di calcestruzzo vengono sollevati con l’ausilio di energia rinnovabile; mentre quando la richiesta di elettricità è alta, vengono nuovamente abbassati per generare energia supplementare. Si tratta di una tecnologia ispirata alle centrali idroelettriche con impianto di pompaggio.

Si deve camminare ancora un’ora per raggiungere Bellinzona. Vale la pena fare una breve capatina ai castelli di Castelgrande, Montebello e Sasso Corbaro. Sono tra gli esempi più impressionanti di edifici fortificati medievali dell'intero arco alpino. Con le loro mura merlate, torri e portoni, questi magnifici monumenti furono dichiarati patrimonio mondiale dell'umanità dall'UNESCO nel 2000. Lo scopo delle fortezze era quello di bloccare l'accesso delle popolazioni settentrionali alla valle del Ticino e di controllare i pedaggi e la strada verso il Gottardo.
25 km
120 m | 170 m
6 h 00 min
facile (sentiero escursionistico) | difficile

Andata | ritorno

Contatto

Gestione della segnaletica
La segnaletica è gestita dall'associazione cantonale per i sentieri escursionistici su incarico del cantone.
Ticino Sentieri
Via A. Giovannini 3
6710 Biasca
info@ticinosentieri.ch
www.ticinosentieri.ch

Servizi

Alloggio

Albergo al Giardinetto
Albergo al Giardinetto
Biasca
Ostello Cresciano
Ostello Cresciano
Cresciano
Camping Bellinzona
Camping Bellinzona
Bellinzona
Ostello per la Gioventù Bellinzona
Ostello per la Gioventù Bellinzona
Bellinzona
Hotel Internazionale
Hotel Internazionale
Bellinzona
Hotel Unione
Hotel Unione
Bellinzona
Hotel Bellinzona Sud
Hotel Bellinzona Sud
Monte Carasso
Visualizzare tutto

Offerte prenotabili

2 Trans Swiss Trail : Passo del San Gottardo & Strada Alta
2 Trans Swiss Trail : Passo del San Gottardo & Strada Alta
Visualizzare tutto

Località

Biasca
Biasca
Bellinzona
Bellinzona
Visualizzare tutto

Curiosità

Chiesa SS. Pietro e Paolo
Chiesa SS. Pietro e Paolo
Cascata di Santa Petronilla
Cascata di Santa Petronilla
Monastero di Santa Maria Assunta
Monastero di Santa Maria Assunta
Teatro Sociale
Teatro Sociale
I 3 castelli Unesco di Bellinzona
I 3 castelli Unesco di Bellinzona
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica