5 Sentiero in cresta del Giura
5 Sentiero in cresta del Giura
5 Sentiero in cresta del Giura
5 Sentiero in cresta del Giura
5 Sentiero in cresta del Giura
5 Sentiero in cresta del Giura

La Svizzera a piedi

etappe-01257

Sentiero in cresta del Giura

Tappa 10, Noiraigue–Les Rochats

Servizio sul sentiero
71 foto

WL_005_10_IMG_1040_R_F_M.jpg
etappe-01257

Sentiero in cresta del Giura

Il faticoso inizio sarà ben ricompensato: il punto di maggiore interesse è l’imponente parete di roccia a ferro di cavallo del Creux du Van, la variante svizzera del Grand Canyon. Dall'alto si gode di una magnifica vista sul lago di Neuchâtel. Attraversando pascoli e boschi si raggiunge il ristorante Les Rochats.
La località di Noiraigue è circondata da due meraviglie naturali: l'anfiteatro naturale roccioso del Creux du Van e le gole dell’Areuse. Il villaggio si trova nella parte orientale della Val de Travers. Noiraigue significa acqua nera e deve il suo nome ai terreni paludosi della Vallée des Ponts nel bacino idrografico della sorgente carsica, le cui acque conferiscono spesso una colorazione scura all’omonimo fiume Noiraigue. L’escursione fino al «Grand Canyon» svizzero inizia nei pressi della stazione ferroviaria. Fin dall’inizio, la salita a Les Oeillons si rivela faticosa. Tuttavia, il percorso si fa ancora più ripido e prosegue in un quasi interminabile zigzag fino al Creux du Van. Nel frattempo si è già marciato per ben due ore.

Lo sforzo verrà comunque ripagato: l'anfiteatro naturale del Creux du Van è straordinario. Le pareti rocciose a strapiombo e il placido paesaggio giurassiano danno vita a uno spettacolo impressionante. I dirupi, che in parte raggiungono un’altezza di 160 metri, circondano una conca valliva lunga quattro chilometri e larga uno. La più grande riserva naturale del Canton Neuchâtel ospita anche linci, stambecchi, camosci e lepri. Seguendo il crinale e i muri a secco si raggiungono diversi punti panoramici. Dopo Le Soliat (1400 m s.l.m.), in lontananza si scorgono le Alpi e il lago di Neuchâtel.

Dopo avere superato un pascolo giurassiano, si raggiunge la locanda Métairie de la Baronne. Dopo questo bivio, ci si lascia alle spalle le orde di turisti: uno splendido sentiero forestale, altri pascoli giurassiani e un viale alberato conducono alla semiautostrada molto trafficata, che va seguita per circa mezz’ora, fino al momento in cui il percorso svolta a destra. Attraversando nuovamente degli incantevoli prati e degli splendidi tratti nel bosco, poco più tardi si raggiunge il ristorante Les Rochats.
Il faticoso inizio sarà ben ricompensato: il punto di maggiore interesse è l’imponente parete di roccia a ferro di cavallo del Creux du Van, la variante svizzera del Grand Canyon. Dall'alto si gode di una magnifica vista sul lago di Neuchâtel. Attraversando pascoli e boschi si raggiunge il ristorante Les Rochats.
La località di Noiraigue è circondata da due meraviglie naturali: l'anfiteatro naturale roccioso del Creux du Van e le gole dell’Areuse. Il villaggio si trova nella parte orientale della Val de Travers. Noiraigue significa acqua nera e deve il suo nome ai terreni paludosi della Vallée des Ponts nel bacino idrografico della sorgente carsica, le cui acque conferiscono spesso una colorazione scura all’omonimo fiume Noiraigue. L’escursione fino al «Grand Canyon» svizzero inizia nei pressi della stazione ferroviaria. Fin dall’inizio, la salita a Les Oeillons si rivela faticosa. Tuttavia, il percorso si fa ancora più ripido e prosegue in un quasi interminabile zigzag fino al Creux du Van. Nel frattempo si è già marciato per ben due ore.

Lo sforzo verrà comunque ripagato: l'anfiteatro naturale del Creux du Van è straordinario. Le pareti rocciose a strapiombo e il placido paesaggio giurassiano danno vita a uno spettacolo impressionante. I dirupi, che in parte raggiungono un’altezza di 160 metri, circondano una conca valliva lunga quattro chilometri e larga uno. La più grande riserva naturale del Canton Neuchâtel ospita anche linci, stambecchi, camosci e lepri. Seguendo il crinale e i muri a secco si raggiungono diversi punti panoramici. Dopo Le Soliat (1400 m s.l.m.), in lontananza si scorgono le Alpi e il lago di Neuchâtel.

Dopo avere superato un pascolo giurassiano, si raggiunge la locanda Métairie de la Baronne. Dopo questo bivio, ci si lascia alle spalle le orde di turisti: uno splendido sentiero forestale, altri pascoli giurassiani e un viale alberato conducono alla semiautostrada molto trafficata, che va seguita per circa mezz’ora, fino al momento in cui il percorso svolta a destra. Attraversando nuovamente degli incantevoli prati e degli splendidi tratti nel bosco, poco più tardi si raggiunge il ristorante Les Rochats.
13 km
820 m | 380 m
4 h 10 min
facile (sentiero escursionistico) | medio

Andata | ritorno

Andata / ritorno Romairon, Les Rochats bif.
Orari FFS Visualizzare la fermata e il percorso sulla mappa

Contatto

Gestione della segnaletica
La segnaletica è gestita dall'associazione cantonale per i sentieri escursionistici su incarico del cantone. Aiuta anche tu! Diventa socio nel tuo cantone.
Associati
Vaud Rando
Place Grand-St-Jean 2
1003 Lausanne
contact@vaud-rando.ch
www.vaud-rando.ch

Servizi

Alloggio

Ferme Restaurant le Soliat
Ferme Restaurant le Soliat
Couvet
Buvette Restaurant la Baronne
Buvette Restaurant la Baronne
Montalchez
Café-Restaurant la Grand'Vy
Café-Restaurant la Grand'Vy
Gorgier
Café Restaurant Les Rochats
Café Restaurant Les Rochats
Provence
Visualizzare tutto

Offerte prenotabili

5 Sentiero in cresta del Giura: Solothurn - Couvet
5 Sentiero in cresta del Giura: Solothurn - Couvet
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica