1 Via Alpina
1 Via Alpina

La Svizzera a piedi

etappe-01240

Via Alpina

Tappa 1, Vaduz (Gaflei, FL)–Sargans

Servizio sul sentiero
36 foto

WL_001_01_IMG_0815_F_M.jpg
etappe-01240

Via Alpina

Dal belvedere di Gaflei per una discesa boscosa verso Vaduz, capitale del principato del Liechtenstein. A Sevelen si attraversa il fiume di confine Reno. Con vista sull’ampia Valle del Reno il percorso conduce per boschi e prati ai piedi del Gonzen.
La Via Alpina è un esteso sentiero escursionistico di 390 chilometri che valica 14 passi alpini. Si parte poco sopra Gaflei, un tempo primo luogo di cura nel Principato del Liechtenstein. Anche se l’edificio principale dell’antico stabilimento non esiste più, da questo altopiano soleggiato è ancora possibile ammirare la magnifica vista sulle antistanti Alpi della Svizzera orientale. Dopo avere sfiorato nodose conifere, pascoli, felci e prati di colore verde acceso, il sentiero escursionistico si addentra in un fitto bosco e, superando diversi tornanti, scende a valle. Nei pressi delle rovine della fortezza di Schalun, edificata alla fine del secolo XII e a un’altitudine di 860 metri, si è già percorsa più della metà dei metri di dislivello della discesa.

Più a valle, seguendo un'ampia strada sterrata, in circa un'ora si raggiunge il castello di Vaduz. Questo simbolo del Liechtenstein è ubicato su una terrazza rocciosa e domina la capitale di questo Paese. Probabilmente questa fortezza risale al secolo XII e, dal 1938, è la residenza della famiglia principesca. Attraversando la graziosa cittadina e superando lo stadio Rheinpark si raggiunge il valico di frontiera sul Reno. Nei suoi 135 metri, l’«Alte Rheinbrücke» (in italiano: vecchio ponte sul Reno) collega Vaduz con il comune di Sevelen nel Canton San Gallo: si tratta dell’ultimo ponte in legno sul Reno alpino. Infatti, è l'unico degli antichi 15 ponti in legno della valle del Reno sangallese che ha resistito a inondazioni e incendi. Nel tratto successivo verso Sevelen, il percorso segue la strada principale. Una volta oltrepassate le rovine del castello di Procha e attraversati i villaggi di Fontnas e Azmoos, dopo circa altre due ore si raggiunge Trübbach.

Seguendo degli splendidi sentieri forestali e un viottolo si raggiunge la vecchia miniera di ferro di Gonzen: qui, in seguito all'estrazione del minerale ferrifero, è nato un labirinto di gallerie e cunicoli lungo quasi 90 chilometri. Nel secolo XV, questo minerale veniva utilizzato dai Confederati per fabbricare le loro temute armi da taglio e da punta. Nemmeno percorrendo i sentieri nei boschi ci si lascia completamente alle spalle il rumore delle strade. Attraversando dei quartieri residenziali ben curati con vista sulla valle del Reno e sul Sarganserland, poco dopo si raggiunge il castello di Sargans. Questa fortezza venne acquistata dal patriziato locale alla fine del secolo XIX e salvata dal degrado. Mancano solo pochi minuti per raggiungere la stazione ferroviaria di Sargans, che è la meta della prima lunga tappa della Via Alpina. Fino a questo momento non è stato superato nemmeno un passo alpino.
Dal belvedere di Gaflei per una discesa boscosa verso Vaduz, capitale del principato del Liechtenstein. A Sevelen si attraversa il fiume di confine Reno. Con vista sull’ampia Valle del Reno il percorso conduce per boschi e prati ai piedi del Gonzen.
La Via Alpina è un esteso sentiero escursionistico di 390 chilometri che valica 14 passi alpini. Si parte poco sopra Gaflei, un tempo primo luogo di cura nel Principato del Liechtenstein. Anche se l’edificio principale dell’antico stabilimento non esiste più, da questo altopiano soleggiato è ancora possibile ammirare la magnifica vista sulle antistanti Alpi della Svizzera orientale. Dopo avere sfiorato nodose conifere, pascoli, felci e prati di colore verde acceso, il sentiero escursionistico si addentra in un fitto bosco e, superando diversi tornanti, scende a valle. Nei pressi delle rovine della fortezza di Schalun, edificata alla fine del secolo XII e a un’altitudine di 860 metri, si è già percorsa più della metà dei metri di dislivello della discesa.

Più a valle, seguendo un'ampia strada sterrata, in circa un'ora si raggiunge il castello di Vaduz. Questo simbolo del Liechtenstein è ubicato su una terrazza rocciosa e domina la capitale di questo Paese. Probabilmente questa fortezza risale al secolo XII e, dal 1938, è la residenza della famiglia principesca. Attraversando la graziosa cittadina e superando lo stadio Rheinpark si raggiunge il valico di frontiera sul Reno. Nei suoi 135 metri, l’«Alte Rheinbrücke» (in italiano: vecchio ponte sul Reno) collega Vaduz con il comune di Sevelen nel Canton San Gallo: si tratta dell’ultimo ponte in legno sul Reno alpino. Infatti, è l'unico degli antichi 15 ponti in legno della valle del Reno sangallese che ha resistito a inondazioni e incendi. Nel tratto successivo verso Sevelen, il percorso segue la strada principale. Una volta oltrepassate le rovine del castello di Procha e attraversati i villaggi di Fontnas e Azmoos, dopo circa altre due ore si raggiunge Trübbach.

Seguendo degli splendidi sentieri forestali e un viottolo si raggiunge la vecchia miniera di ferro di Gonzen: qui, in seguito all'estrazione del minerale ferrifero, è nato un labirinto di gallerie e cunicoli lungo quasi 90 chilometri. Nel secolo XV, questo minerale veniva utilizzato dai Confederati per fabbricare le loro temute armi da taglio e da punta. Nemmeno percorrendo i sentieri nei boschi ci si lascia completamente alle spalle il rumore delle strade. Attraversando dei quartieri residenziali ben curati con vista sulla valle del Reno e sul Sarganserland, poco dopo si raggiunge il castello di Sargans. Questa fortezza venne acquistata dal patriziato locale alla fine del secolo XIX e salvata dal degrado. Mancano solo pochi minuti per raggiungere la stazione ferroviaria di Sargans, che è la meta della prima lunga tappa della Via Alpina. Fino a questo momento non è stato superato nemmeno un passo alpino.
27 km
460 m | 1600 m
7 h 10 min
facile (sentiero escursionistico) | difficile

Andata | ritorno

Di più …

Avvertimento
Treno/bus/battello: tappa lunga, osservare la raccomandazione bus n. 338 Gaflei–Vaduz
Passaporto della Via Alpina
Il passaporto della Via Alpina è un libriccino promemoria per collezionare 38 timbri lungo il cammino. I timbri si trovano in una cassetta all'inizio e alla fine di ogni tappa. Ulteriori informazioni sul passaporto della Via Alpina.
Mappa generale di tutte le cassette con timbri

Andata | ritorno

Contatto

Gestione della segnaletica
La segnaletica è gestita dall'associazione cantonale per i sentieri escursionistici su incarico del cantone. Aiuta anche tu! Diventa socio nel tuo cantone.
Associati
Schweizer Wanderwege
Monbijoustrasse 61
3000 Bern 23

Servizi

Alloggio

Jugendherberge Schaan-Vaduz
Jugendherberge Schaan-Vaduz
Schaan
BnB Treffpunkt Heuwiese
BnB Treffpunkt Heuwiese
Weite
Catherine’s Loft BnB
Catherine’s Loft BnB
Mels
Visualizzare tutto

Offerte prenotabili

1 Via Alpina Svizzera orientale
1 Via Alpina Svizzera orientale
Visualizzare tutto

Località

Gaflei (FL)
Gaflei (FL)
Vaduz
Vaduz
Sargans
Sargans
Visualizzare tutto

Curiosità

Museo d'arte del Liechtenstein
Museo d'arte del Liechtenstein
Museo Nazionale del Liechtenstein
Museo Nazionale del Liechtenstein
Cantina di corte del Principe
Cantina di corte del Principe
Castello di Vaduz
Castello di Vaduz
Citytrain a Vaduz
Citytrain a Vaduz
Ponte in legno e Reno presso Sevelen
Ponte in legno e Reno presso Sevelen
Miniera di Gonzen
Miniera di Gonzen
Castello di Sargans
Castello di Sargans
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica