1 Via Alpina
1 Via Alpina

La Svizzera a piedi

etappe-01236

Via Alpina

Tappa 4, Elm–Linthal

Servizio sul sentiero
64 foto

WL_001_04b_P1040744_R_F_M.jpg
etappe-01236

Via Alpina

Elm si trova nel GeoPark, dove è visibile la genesi delle Alpi con il sovrascorrimento tettonico delle Alpi glaronesi. L’interrato Wichlensee sembra un anfiteatro circondato da bastioni di roccia. Dopo l’erto Richetlipass attende la solitaria Durnachtal.
La località di Elm è circondata dalle vette glaronesi. Dopo avere sfiorato la chiesa di questo paese, che può fregiarsi del premio Wakker, il sentiero escursionistico attraversa la riserva forestale di Gandwald, che ospita un raro bosco di asperula taurina e di aceri, il « Turinermeister-Ahornwald », che, con la sua ricchezza di piante, è presente solo nelle zone favoniche come la valle del Sernf. L'idilliaco sentiero forestale lascia il posto a una strada sterrata, un ripido viottolo si snoda tra pascoli e paravalanghe. Dopo un altro tratto boschivo, si raggiunge il comprensorio sciistico di Elm. Il panorama è caratterizzato dagli Tschingelhörner e dal Martinsloch, una faglia di 16 metri nella barriera rocciosa in cui il sole s’insinua due volte all’anno per illuminare con precisione il campanile di Elm.

Superando il ristorante Ämpächli, ci si lasciano alle spalle i primi faticosi metri di dislivello. Il sentiero in quota segue una strada sterrata e, presso il ruscello Steinibach, si trasforma in un viottolo per un breve tratto. Nel borgo di Hengstboden (la traduzione italiana di questo toponimo significa «terreno degli stalloni») non ci sono più cavalli, ma delle pittoresche capanne di legno, note come «Ghaltigen», che sono una testimonianza storica del secolo XIX. Dopo avere gettato un ultimo sguardo al Foopass e dopo avere attraversato un tratto nel bosco, si palesa la vista panoramica sul passo di Pigniu. Qui, nel 1799, morirono numerosi soldati che, sotto il comando del generale Suvorov e costretti alla ritirata dall’esercito francese, cercavano di attraversare questo valico. Fino al secolo XX questo passo è stato un importante collegamento da Glarona all'Italia passando per i Grigioni. Poco più tardi, si raggiunge il rifugio Obererbs, accessibile anche in autobus, una possibile meta intermedia della tappa più lunga della Via Alpina (circa 9 ore di marcia).

Chi prosegue senza fare soste, lo fa su un ripido sentiero che attraversa dei pascoli e il torrente Gasichlebach. Dal punto panoramico dell’Erbser Stock si ammira per l’ultima volta la valle del Sernf, il monte Hausstock e il passo di Pigniu. Alcuni minuti più tardi si scorge l’Alp Wichlenmatt, che ricorda un anfiteatro circondato da bastioni di roccia. Segue una ripida salita al passo di Richetli, che, con i suoi 2260 metri di quota, è il punto più elevato dell'escursione. Una volta valicata questa cima, inizia una discesa con 800 metri di dislivello verso Unterstafel, nella Durnachtal. Qui ci troviamo chiaramente nel regno delle marmotte, che lanciano un segnale d’allarme fischiando. Si prosegue su ampie strade sterrate e asfaltate per poi prendere un ripido sentiero forestale nei pressi di Stalden. La meta è Linthal, il villaggio più a sud del Canton Glarona.
Elm si trova nel GeoPark, dove è visibile la genesi delle Alpi con il sovrascorrimento tettonico delle Alpi glaronesi. L’interrato Wichlensee sembra un anfiteatro circondato da bastioni di roccia. Dopo l’erto Richetlipass attende la solitaria Durnachtal.
La località di Elm è circondata dalle vette glaronesi. Dopo avere sfiorato la chiesa di questo paese, che può fregiarsi del premio Wakker, il sentiero escursionistico attraversa la riserva forestale di Gandwald, che ospita un raro bosco di asperula taurina e di aceri, il « Turinermeister-Ahornwald », che, con la sua ricchezza di piante, è presente solo nelle zone favoniche come la valle del Sernf. L'idilliaco sentiero forestale lascia il posto a una strada sterrata, un ripido viottolo si snoda tra pascoli e paravalanghe. Dopo un altro tratto boschivo, si raggiunge il comprensorio sciistico di Elm. Il panorama è caratterizzato dagli Tschingelhörner e dal Martinsloch, una faglia di 16 metri nella barriera rocciosa in cui il sole s’insinua due volte all’anno per illuminare con precisione il campanile di Elm.

Superando il ristorante Ämpächli, ci si lasciano alle spalle i primi faticosi metri di dislivello. Il sentiero in quota segue una strada sterrata e, presso il ruscello Steinibach, si trasforma in un viottolo per un breve tratto. Nel borgo di Hengstboden (la traduzione italiana di questo toponimo significa «terreno degli stalloni») non ci sono più cavalli, ma delle pittoresche capanne di legno, note come «Ghaltigen», che sono una testimonianza storica del secolo XIX. Dopo avere gettato un ultimo sguardo al Foopass e dopo avere attraversato un tratto nel bosco, si palesa la vista panoramica sul passo di Pigniu. Qui, nel 1799, morirono numerosi soldati che, sotto il comando del generale Suvorov e costretti alla ritirata dall’esercito francese, cercavano di attraversare questo valico. Fino al secolo XX questo passo è stato un importante collegamento da Glarona all'Italia passando per i Grigioni. Poco più tardi, si raggiunge il rifugio Obererbs, accessibile anche in autobus, una possibile meta intermedia della tappa più lunga della Via Alpina (circa 9 ore di marcia).

Chi prosegue senza fare soste, lo fa su un ripido sentiero che attraversa dei pascoli e il torrente Gasichlebach. Dal punto panoramico dell’Erbser Stock si ammira per l’ultima volta la valle del Sernf, il monte Hausstock e il passo di Pigniu. Alcuni minuti più tardi si scorge l’Alp Wichlenmatt, che ricorda un anfiteatro circondato da bastioni di roccia. Segue una ripida salita al passo di Richetli, che, con i suoi 2260 metri di quota, è il punto più elevato dell'escursione. Una volta valicata questa cima, inizia una discesa con 800 metri di dislivello verso Unterstafel, nella Durnachtal. Qui ci troviamo chiaramente nel regno delle marmotte, che lanciano un segnale d’allarme fischiando. Si prosegue su ampie strade sterrate e asfaltate per poi prendere un ripido sentiero forestale nei pressi di Stalden. La meta è Linthal, il villaggio più a sud del Canton Glarona.
25 km
1650 m | 2000 m
9 h 15 min
medio (sentiero di montagna) | difficile

Andata | ritorno

Stagione

Di più …

Salita a Empächli
202
Salita a Empächli
Suggerimento su treno, bus e battello
Elm SBE–Aempächli
o
Aempächli–Elm SBE
Motivo: dislivello risparmiato ca. 480m.
Orari FFS
Passaporto della Via Alpina
Il passaporto della Via Alpina è un libriccino promemoria per collezionare 38 timbri lungo il cammino. I timbri si trovano in una cassetta all'inizio e alla fine di ogni tappa. Ulteriori informazioni sul passaporto della Via Alpina.
Mappa generale di tutte le cassette con timbri

Andata | ritorno

Contatto

Gestione della segnaletica
La segnaletica è gestita dall'associazione cantonale per i sentieri escursionistici su incarico del cantone. Aiuta anche tu! Diventa socio nel tuo cantone.
Associati
Schweizer Wanderwege
Monbijoustrasse 61
3000 Bern 23

Servizi

Alloggio

Gasthaus Segnes
Gasthaus Segnes
Elm
Hotel Restaurant Adler
Hotel Restaurant Adler
Linthal
Hotel Restaurant Raben
Hotel Restaurant Raben
Linthal
B&B Fam. Manser-Betschart
B&B Fam. Manser-Betschart
Linthal
Adrenalin Backpackers Hostel
Adrenalin Backpackers Hostel
Braunwald
Berghotel Bischofalp
Berghotel Bischofalp
Elm
Visualizzare tutto

Offerte prenotabili

1 Via Alpina Svizzera orientale
1 Via Alpina Svizzera orientale
Visualizzare tutto

Località

Braunwald
Braunwald
Elm / Valle del Sernf
Elm / Valle del Sernf
Linthal
Linthal
Visualizzare tutto

Curiosità

Via ferrata
Via ferrata
Rüti–Braunwald
Rüti–Braunwald
Fabbrica di lavagne
Fabbrica di lavagne
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni sugli indicatori di direzione gialli. Durante la vostra escursione, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica