376 Römerweg Rheinwald
376 Römerweg Rheinwald

Escursioni invernali

Römerweg Rheinwald

Römerweg Rheinwald

Splügen, Dorf–Sufers, Postauto

Servizio sul sentiero
5 foto

WW_376_Roemerweg_Rheinwald_Winter-im-Rheinwald_1_demateo_com_M.jpg
Römerweg Rheinwald

Römerweg Rheinwald

Sul versante soleggiato del Rheinwald, la «via dei Romani» collega i paesi di Splügen e Sufers. Strada facendo si ammira una splendida vista sulle varie vette e, dopo il passaggio nell’innevato bosco incantato, sul lago di Sufers, quasi completamente ghiacciato.
L'escursione inizia nel centro del villaggio di Splügen e termina alla fontana del paese di Sufers. Splügen è uno dei più antichi e tipici villaggi nei pressi di un valico dei Grigioni. Non c'è da stupirsi che dei personaggi come Goethe o Einstein siano rimasti profondamente impressionati da questa regione con i suoi numerosi valichi alpini. A Splügen ci sono dei grandi palazzi in stile italiano nelle immediate vicinanze di case walser imbrunite dal sole. Nel 1995 il paese fu insignito del Premio Wakker da parte di Patrimonio svizzero e nel 2019 è entrato a far parte dell’associazione «I Borghi più belli della Svizzera».

Questa escursione invernale sul versante soleggiato della valle segue la «via dei Romani» in direzione di Sufers. Il percorso si trova nel parco naturale Beverin ed è parte del sentiero escursionistico culturale «Via Spluga», che in estate conduce da Thusis a Chiavenna in Italia. Già in epoca romana, era considerato un importante collegamento dalla Germania meridionale alla Lombardia. Le imponenti rovine del castello di Splügen sul lato destro del sentiero ricordano la storia movimentata del Rheinwald. Senza l’opposizione da parte della popolazione nel 1940, oggi qui ci sarebbe una diga di sbarramento, che, una volta terminata, avrebbe sommerso il paese di Splügen.

Attraversando il Märchenwald (o bosco incantato) si procede tranquillamente verso Sufers. La vista sulle montagne circostanti e sul lago artificiale di Sufers, che fa parte delle Officine idroelettriche del Reno posteriore, è magnifica. Il villaggio fu menzionato per la prima volta come «Subere» in un documento ufficiale dell'831. Dieci anni dopo l'imperatore Lotario gli donò una chiesa. All'epoca, il Rheinwald esterno e la vicina Val Schons erano popolati da reto-romani. Da quando, attorno al 1300, una colonia walser si stabilì nella valle interna (Nufenen e Hinterrhein) e si spinse fino a Sufers, il tedesco divenne la lingua principale. In alcune epoche (dal 1600 al 1850), nella val Suretta si estraeva il ferro e veniva lavorato nella Sufner Schmelzi, all'imbocco della valle. Per tornare a Splügen ci si può servire dell’autopostale o andare a piedi, sia sullo stesso percorso che attorno al lago di Sufers.
Sul versante soleggiato del Rheinwald, la «via dei Romani» collega i paesi di Splügen e Sufers. Strada facendo si ammira una splendida vista sulle varie vette e, dopo il passaggio nell’innevato bosco incantato, sul lago di Sufers, quasi completamente ghiacciato.
L'escursione inizia nel centro del villaggio di Splügen e termina alla fontana del paese di Sufers. Splügen è uno dei più antichi e tipici villaggi nei pressi di un valico dei Grigioni. Non c'è da stupirsi che dei personaggi come Goethe o Einstein siano rimasti profondamente impressionati da questa regione con i suoi numerosi valichi alpini. A Splügen ci sono dei grandi palazzi in stile italiano nelle immediate vicinanze di case walser imbrunite dal sole. Nel 1995 il paese fu insignito del Premio Wakker da parte di Patrimonio svizzero e nel 2019 è entrato a far parte dell’associazione «I Borghi più belli della Svizzera».

Questa escursione invernale sul versante soleggiato della valle segue la «via dei Romani» in direzione di Sufers. Il percorso si trova nel parco naturale Beverin ed è parte del sentiero escursionistico culturale «Via Spluga», che in estate conduce da Thusis a Chiavenna in Italia. Già in epoca romana, era considerato un importante collegamento dalla Germania meridionale alla Lombardia. Le imponenti rovine del castello di Splügen sul lato destro del sentiero ricordano la storia movimentata del Rheinwald. Senza l’opposizione da parte della popolazione nel 1940, oggi qui ci sarebbe una diga di sbarramento, che, una volta terminata, avrebbe sommerso il paese di Splügen.

Attraversando il Märchenwald (o bosco incantato) si procede tranquillamente verso Sufers. La vista sulle montagne circostanti e sul lago artificiale di Sufers, che fa parte delle Officine idroelettriche del Reno posteriore, è magnifica. Il villaggio fu menzionato per la prima volta come «Subere» in un documento ufficiale dell'831. Dieci anni dopo l'imperatore Lotario gli donò una chiesa. All'epoca, il Rheinwald esterno e la vicina Val Schons erano popolati da reto-romani. Da quando, attorno al 1300, una colonia walser si stabilì nella valle interna (Nufenen e Hinterrhein) e si spinse fino a Sufers, il tedesco divenne la lingua principale. In alcune epoche (dal 1600 al 1850), nella val Suretta si estraeva il ferro e veniva lavorato nella Sufner Schmelzi, all'imbocco della valle. Per tornare a Splügen ci si può servire dell’autopostale o andare a piedi, sia sullo stesso percorso che attorno al lago di Sufers.
5 km | 1 Tappa
140 m | 140 m
1 h 30 min
facile

Andata | ritorno

Stagione

Stagione invernale
Di regola la stagione invernale dura dal 20 dicembre al 30 marzo.

Andata | ritorno

Contatto

Viamala Tourismus
Bodenplatz 4
7435 Splügen
Tel. +41 (0)81 650 90 30
info@viamala.ch
www.viamala.ch

Servizi

Alloggio

Camping + Ferienlager Splügen
Camping + Ferienlager Splügen
Splügen
Hotel Piz Tambo
Hotel Piz Tambo
Splügen
Herberge zum Tobel
Herberge zum Tobel
Sufers
Visualizzare tutto

Segnaletica

Segnaletica
Seguite il logo raffigurato per le escursioni invernali sugli indicatori di direzione di colore rosa. Durante il vostro tour, prendete con voi, per sicurezza, una copia stampata della nostra mappa web.
Segnaletica