Ciaspolate

Galleria fotografica

Saicourt
La Rouge Eau (Saicourt)

La Rouge Eau (Saicourt)

Da Tavannes a Glovelier si snoda un percorso che in passato ha assistito a un intenso transito di carri. I profondi solchi che segnano la superficie del sentiero sono testimonianza di questa modalità di trasporto, che prevedeva l’utilizzo di buoi per il traino di carri a due ruote.
Il tratto da Tavannes a Glovelier costituisce una parte del collegamento che da Berna porta a Porrentruy e alla Francia passando per Aarberg, Nidau e Bienne. Già in epoca romana esisteva un collegamento attraverso il Giura che conduceva alla valle di Delsberg. Non esistono tuttavia testimonianze dell'esistenza di una strada romana fra Tavannes e Glovelier.

Il trasporto con i carri ha lasciato solchi impressionanti soprattutto nei dintorni di La Rouge Eau. Il percorso è costituito perlopiù da un sentiero incassato inutilizzato e poco marcato, che si snoda attraverso un'area di pascoli. La superficie del sentiero è per larga parte coperta dall’erba. Sotto il manto erboso si nasconde una strada solcata dalle ruote degli antichi carri e riportata alla luce dal servizio archeologico del Canton Berna per una lunghezza di 15 metri all’inizio del tratto. Questo pezzo di percorso presenta un avvallamento di circa mezzo metro e una larghezza di circa 107 centimetri. Dopo 350 metri, il percorso si biforca. Quattro sentieri incassati consentono di proseguire verso nord e verso ovest.

Il tratto nella parte di bosco è meno utilizzato. Anche qui, in alcuni punti il morbido fondo del sentiero lascia scoperti i resti degli antichi solchi. Il tratto ripristinato fa parte di un percorso didattico.
Da Tavannes a Glovelier si snoda un percorso che in passato ha assistito a un intenso transito di carri. I profondi solchi che segnano la superficie del sentiero sono testimonianza di questa modalità di trasporto, che prevedeva l’utilizzo di buoi per il traino di carri a due ruote.
Il tratto da Tavannes a Glovelier costituisce una parte del collegamento che da Berna porta a Porrentruy e alla Francia passando per Aarberg, Nidau e Bienne. Già in epoca romana esisteva un collegamento attraverso il Giura che conduceva alla valle di Delsberg. Non esistono tuttavia testimonianze dell'esistenza di una strada romana fra Tavannes e Glovelier.

Il trasporto con i carri ha lasciato solchi impressionanti soprattutto nei dintorni di La Rouge Eau. Il percorso è costituito perlopiù da un sentiero incassato inutilizzato e poco marcato, che si snoda attraverso un'area di pascoli. La superficie del sentiero è per larga parte coperta dall’erba. Sotto il manto erboso si nasconde una strada solcata dalle ruote degli antichi carri e riportata alla luce dal servizio archeologico del Canton Berna per una lunghezza di 15 metri all’inizio del tratto. Questo pezzo di percorso presenta un avvallamento di circa mezzo metro e una larghezza di circa 107 centimetri. Dopo 350 metri, il percorso si biforca. Quattro sentieri incassati consentono di proseguire verso nord e verso ovest.

Il tratto nella parte di bosco è meno utilizzato. Anche qui, in alcuni punti il morbido fondo del sentiero lascia scoperti i resti degli antichi solchi. Il tratto ripristinato fa parte di un percorso didattico.

La Rouge Eau (Saicourt)

Adresse

Bundesinventar der historischen Verkehrswege der Schweiz (IVS)
www.ivs.admin.ch

Servizi

Alloggio

miramont trekking hof
miramont trekking hof
Saicourt
Visualizzare tutto